Treni: nuove corse per il Cilento? «Insufficienti»

«Promuoverò nelle prossime ore l’istituzione di un tavolo tecnico tra Trenitalia, imprenditori del settore turistico dell’area cilentana e Regione»

«L’iniziativa di Trenitalia, con l’aumento dei collegamenti per le località del Cilento e il nuovo orario estivo, è sicuramente un fatto positivo. Peccato però che non basti». A sostenerlo Carmela Rescigno, consigliere regionale di Fratelli d’Italia e segretario della commissione Turismo della Regione Campania.

Nei giorni scorsi Trenitalia ha annunciato nuove corse per il Cilento e un’implementazione dei treni Frecciarossa (leggi qui).

Nuovi treni da e per il Cilento: le contestazioni

«I collegamenti di Trenitalia verso le mete cilentane restano ancora insufficienti per coprire l’utenza. Basta leggere i dati: la sola località di Pisciotta ospiterà circa 500mila turisti in estate, tra hotel, case vacanze e B e B. Non bastano due corse in più per coprire l’afflusso turistico», osserva il consigliere regionale.

Di qui l’appello: «Il servizio va potenziato già da quest’anno, senza perdere altro tempo. Promuoverò nelle prossime ore l’istituzione di un tavolo tecnico tra Trenitalia, imprenditori del settore turistico dell’area cilentana e Regione per individuare una soluzione rapida».

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente