Aree frana nel centro abitato di Aquara: al via i lavori

Al via il primo stralcio dei lavori per un costo di circa 2,3 milioni di euro

AQUARA. Buone notizie per la comunità di Aquara. Sono pronti a prendere il via gli interventi per il risanamento idrogeologico delle aree in frana del centro abitato, a monte e a Valle della scuola media Giovanni XIII (primo stralcio).

Aree frana nel centro abitato di Aquara: consegnati i lavori

Ad eseguire i lavori l’ATI Trivellazioni Cupo – Artelettra con sede a Palomonte che sul prezzo a base d’asta ha offerto un ribasso del 3,30%. Il costo delle opere, quindi, sarà di circa 2,3milioni di euro (compresi gli oneri per la sicurezza pari a poco meno di 45mila euro).

I lavori sono stati consegnati da parte del Comune lo scorso 17 maggio e la data di conclusione è fissata per il prossimo 27 gennaio 2023.

L’iter

Aquara da tempo attendeva queste opere di messa in sicurezza del territorio. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Antonio Marino, dopo aver completato l’iter progettuale, è riuscita ad ottenere il finanziamento della Regione Campania nell’ambito delle risorse Por Fesr 2014-2020 per un importo di circa 3 milioni di euro. Nel settembre scorso è stato pubblicato il bando per avviare i lavori.

In circa sette mesi le aree frana nel centro abitato di Aquara saranno messe in sicurezza.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente