A Roscigno una scuola di arte e mestieri

Un progetto finalizzato anche all'integrazione dei migranti presenti sul territorio

ROSCIGNO. A Roscigno una scuola di arte e mestieri. E’ l’iniziativa dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pino Palmieri. Un progetto ambizioso, finalizzato anche all’inclusione sociale. Il centro alburnino, infatti, è stato selezionato dalla Regione Campania per avviare un progetto volto alla rifunzionalizzazione di beni pubblici da destinare all’integrazione ed inclusione sociale e lavorativa dei migranti vittime di caporalato o a rischio di coinvolgimento nei relativi circuiti, da localizzarsi in aree a rischio di spopolamento già interessate dal fenomeno.

Una scuola di arte e mestieri a Roscigno

La scelta è caduta sul Comune di Roscigno non casualmente, essendo il paese già protagonista di iniziative dedicate all’accoglienza ed all’integrazione.

L’esecutivo Palmieri ha elaborato un progetto per la creazione di una scuola di arte e mestieri che potrà essere realizzata attraverso il recupero e la messa in sicurezza di Casa Martino, sita in via Cesare Battisti, per la quale il Comune ha già approvato uno studio di fattibilità del costo di circa 843mila eurio.

L’immobile sarà affidato a terzi al fine di poter avviare il progetto di realizzazione di una scuola di arte e mestieri. Il finanziamento avverrà grazie a fondi del Ministero dell’Interno.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente