Felitto pronto all’accoglienza dei profughi di guerra

Fondi Pnrr per interventi su un immobile di proprietà comunale al fine di garantire l'accoglienza dei profughi

FELITTO. Il Comune di Felitto pronto a garantire l’accoglienza dei profughi in fuga dalle guerre. L’Ente, guidato dal sindaco Carmine Casella, ha scelto sfruttare le risorse del Pnrr proprio per tale obiettivo.

Accoglienza profughi a Felitto: l’iniziativa

In particolare il comune cilentano è proprietario dell’ex ambulatorio comunale sito nel viale San Marco per il quale è stata già prevista la destinazione a locale per l’accoglienza dei migranti. Il costo dei lavori è di 300mila euro.

Il finanziamento potrebbe arrivare grazie alle risorse del Pnrr nell’ambito della strategia nazionale per le aree interne. La linea di intervento cui il centro cilentano fa riferimento punta al Potenziamenti dei servizi e delle infrastrutture sociali di comunità. La proposta di garantire interventi per accogliere profughi di guerra a Felitto è dunque coerente con il bando.

La richiesta dei fondi varia in base alla popolazione:

  • per i Comuni con numero di abitanti fino a 3.000 unità: 300.000,00 euro.
  • per i Comuni con numero di abitanti da 3.001 a 10.000 unità: 1.000.000,00 euro.
  • per i Comuni con numero di abitanti da 10.001 a 30.000 unità: 2.000.000,00 euro.
  • per i Comuni con numero di abitanti oltre 30.001 unità: 3.000.000,00 euro.

Già in altre occasioni Felitto si è mostrato un comuni disponibile e aperto all’accoglienza dei profughi.

CONTINUA A LEGGERE

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Sostieni l'informazione indipendente