Oasi di Remolino a Felitto: privato gestirà i servizi

I servizi turistici verranno affidati ad un privato

FELITTO. Il Comune cilentano programma la riapertura di uno dei luoghi più suggestivi del comprensorio, l’oasi di Remolino. L’Ente, guidato dal sindaco Giuseppe Casella, ha intenzione di migliorare la fruibilità di questo grande attrattore, offrendo servizi ed assistenza di qualità.

Oasi di Remolino, comune pronto ad affidarla a privati

Ecco perché l’amministrazione comunale ha scelto anche quest’anno di affidare in gestione ad un privato per un anno l’area pic nic con annesso l’immobile adibito a deposito e punto informativo e i wc. Il concessionario potrà sfruttare l’area ma al contempo dovrà garantire la manutenzione non solo dei locali e degli immobili ma anche lo sfalcio e iltaglio dell’erba, il mantenimento di prato e siepi, delle staccionate in legno, tavoli e sedute.

E ancora: dovrà garantire la manutenzione della pubblica illuminazione, della pulizia dell’area e della gestione della differenziata. Inoltre dovrà occuparsi della messa in sicurezza dei sentieri.

Toccherà al concessionario pure gestire i parcheggi per le auto che arrivano presso le gole del Calore mediante il reperimento di zone per la sosta nei mesi di luglio e agosto. Il posto auto dovrà avere un prezzo massimo di 5 euro.

Per la gestione dell’Oasi di Remolino il concessionario sarà tenuto a versare al Comune 15mila euro l’anno. Starà ora agli uffici proseguire con le procedure per l’affidamento dei servizi.

CONTINUA A LEGGERE

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Sostieni l'informazione indipendente