Masterplan: ecco il programma di rilancio della costa da Salerno a Castellabate

«Oggi presentiamo un preliminare che in qualche modo imposta un lavoro molto importante per far diventare questo pezzo della costa a Sud di Salerno io credo, e spero, un esempio, per tutta Italia»

CAPACCIO PAESTUM. Mobilità sostenibile, energia rinnovabile, riqualificazione ambientale, rigenerazione urbana e strategie per creare nuovi attrattori turistici sono i cinque punti cardine del Masterplane – PIV Litorale Salerno Sud. L’ambizioso progetto, di cui ieri è stato presentato il preliminare a Paestum, nel Tabacchificio ex Saim, è curato da un gruppo di lavoro con a capo l’architetto Stefano Boeri.

«Oggi presentiamo un preliminare che in qualche modo imposta un lavoro molto importante per far diventare questo pezzo della costa a Sud di Salerno io credo, e spero, un esempio, per tutta Italia – ha spiegato Boeri – Nel senso che è un territorio che ha le potenzialità per diventare una parte del futuro del nostro paese, dal punto di vista della ricostruzione di una situazione balneare importante e che riconduca alla possibilità di uso dello spazio pubblico del litorale. Pensiamo all’enorme possibilità di rendere l’attività agricola e agrotecnica sostenibile come anche ad un grande uso dell’energia rinnovabile, a una infrastrutturazione che renda più sostenibile e anche più efficiente l’attraversamento di questo territorio e anche ad un grande investimento sulla riforestazione».

La presentazione, alla presenza dei sindaci degli otto comuni interessati (Agropoli, Bellizzi, Battipaglia, Capaccio Paestum, Castellabate, Eboli, Pontecagnano Faiano e Salerno) e dei rappresentati della Provincia di Salerno, è stata coordinata dall’Assessore al Governo del Territorio della Regione Campania, Bruno Discepolo e da Franco Alfieri, in qualità di delegato del presidente della Regione per il masterplan.

«La vera novità è che 8 comuni, 50 chilometri di costa, circa 320mila abitanti e più di 300 chilometri quadrati di territorio, ragionano insieme e cercano di affrontare in maniera sistemica i problemi che ci sono e di organizzare le risorse che sono lì da tempo – ha sottolineato Alfieri – Sono delle cose semplici, ma che finora sono rimaste lì perché i comuni non hanno mai ragionato tra loro e il masterplan è lo strumento utile, necessario, opportuno e innovativo per fare tutte queste cose. Sulle cose che già stanno avvenendo ma che sono state messe a sistema, costruiremo una strategia con la grande regia di Stefano Boeri che io credo sia un nome che garantisce lungimiranza, visione e soprattutto quel piglio in più che mancava al territorio».

Gli interventi sono stati conclusi dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, in collegamento da remoto: «Dobbiamo credere in questo progetto ha esordio – Dovremo dare un assetto d’insieme a un’area strategica che può ricevere da un inquadramento urbanistico di grande qualità, da scelte importanti come quelle che sono state appena illustrate, una valorizzazione straordinaria. L’area Sud è quella in cui abbiamo l’unico polo industriale vero, abbiamo una fortissima agricoltura, quarta gamma, zootecnia, abbiamo una fascia costiera non consumata, abbiamo, tutto sommato, un territorio che non è devastato come il territorio dell’area perivesuviana o dell’area a nord di Napoli o del litorale domiziano. Vi sono ancora risorse spendibili. Allora dobbiamo avere fiducia nella possibilità di dare un’organizzazione infrastrutturale, produttiva, urbanistica e ambientale di altissimo livello, per tutta l’area che va da Salerno a Castellabate. Da qui a un anno, due anni, l’economia di tutta la Provincia di Salerno sarà in qualche modo sconvolta dal decollo dall’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi. Allora dobbiamo valorizzare quello che c’è e mettere a sistema la grande quantità d’interventi previsti».

CONTINUA A LEGGERE

Paola Desiderio

Inizia a scrivere per quotidiani locali nel 1999. Nel 2002 fonda Paestum.it, il primo giornale on line del Cilento, che guida come direttore responsabile fino al 2010. Ha collaborato alla stesura di opuscoli e di guide turistiche ed enogastronomiche Si occupa di uffici stampa per enti pubblici ed eventi. Dal 2001 collabora con il quotidiano il Mattino, nel 2014 ha fondato il portale turistico InPaestum. E naturalmente collabora con Infocilento.

Sostieni l'informazione indipendente