Case all’asta: numero in aumento nel Vallo

L’incremento dell’impossibilità di far fronte al pagamento di debiti, soprattutto da parte delle famiglie, ha portato ad un aumento del numero di case e terreni finiti all’asta. Ammonta a 2,6 milioni di Euro il valore delle esecuzioni immobiliari attualmente in essere nei comuni del Vallo di Diano. Una cifra che se scomposta tra i vari comuni del comprensorio nasconde qualche sorpresa soprattutto per quanto riguarda alcuni piccoli comuni.

La procedura in questione è quella che, in parole povere, culmina con la vendita all’asta di un bene immobile di proprietà di un debitore che non ha effettuato il pagamento delle somme dovute a uno o più creditori. Questi ultimi individuano i beni immobili da aggredire una volta trascorso inutilmente il periodo previsto dal precetto per il pagamento delle somme dovute e prende il via così la procedura che porta alla vendita all’asta.

Analizzando i dati relativi ai comuni valdianesi la prima cosa che salta all’occhio è che sia per numero di esecuzioni che per valore complessivo delle stesse al primo posto, contrariamente a quanto si possa immaginare, non c’è Sala Consilina. Per quanto riguarda il valore delle esecuzioni il primo posto della classifica è occupato dal comune di Polla dove gli immobili all’asta sono 12 per un valore complessivo pari quasi 1,1 milioni di Euro, ovvero poco meno della metà del totale dei comuni del comprensorio. Al secondo posto invece c’è un piccolo comune del Diano, Sant’Arsenio dove il valore complessivo è di 430mila Euro. Al terzo posto invece c’è Atena Lucana con 420mila Euro. Sala Consilina è al quarto posto con 370mia Euro. La somma degli abitanti dei primi 3 comuni è di gran lunga inferiore a quella degli abitanti di Sala Consilina di circa tremila residenti.

Per quanto riguarda invece il numero di esecuzioni al primo posto c’è sempre Polla con 12, seguita da Sant’Arsenio (11) e Sala Consilina (5). Tra i beni messi all’asta ci sono soprattutto abitazioni (20) e terreni (11), sono invece soltanto 8 i locali commerciali finiti all’asta.

Sono invece otto i comuni dove al momento non ci sono esecuzioni in atto: Casalbuono, Buonabitacolo, Sanza, Pertosa, Montesano sulla Marcellana, Monte San Giacomo, San Rufo San Pietro al Tanagro. In tutti gli altri l’importo complessivo degli immobili all’asta oscilla tra 200mila e i 25 mila Euro: Padula (200mila euro), Sassano (70mila euro), Teggiano (25mila euro).

CONTINUA A LEGGERE

Sostieni l'informazione indipendente