Cadavere nell’uliveto ad Albanella, si attende esame del Dna

Si attende l'esito dell'autopsia e l'analisi del Dna che chiariranno chi è la vittima e come è morta

ALBANELLA. Saranno gli esami che verranno eseguiti sul corpo a far comprendere se il cadavere rinvenuto in un uliveto ad Albanella sia quello di Giuseppe Gaudiano, il 51enne scomparso da più di un mese.

Cadavere nell’uliveto, il ritrovamento

Una persona della zona aveva avvistato il corpo in un terreno e aveva fatto scattare l’allarme; subito sul posto erano giunti i carabinieri della compagnia di Agropoli, guidati dal capitano Fabiola Garello, il magistrato e gli uomini della scientifica. Il cadavere ritrovato nell’uliveto era con la faccia rivolta verso il terreno, aveva un braccio sotto al corpo e un’altra in orizzontale; inoltre l’uomo non indossava una scarpa.

Le ipotesi sul decesso

La morte, stando alle prime indicazioni, non sarebbe ricollegabile ad un suicidio e la posizione del corpo potrebbe escludere anche un improvviso malore, ma per ora si tratta esclusivamente di ipotesi.

Il ritrovamento del cadavere è avvenuto in un uliveto posto a ridosso della Sp11, il corpo era già in stato di decomposizione. Se si tratta di Giuseppe “Peppino” Gaudiano lo chiarirà l’esame del Dna da confrontare con quello della sorella.

L’autopsia, invece, dovrebbe sciogliere i nodi relativi alle cause della morte. La salma è sotto sequestro e custodita presso la sala mortuaria dell’ospedale di Eboli.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.