Vallo della Lucania, scuole restano aperte: disagi e polemiche

Studenti lamentano infiltrazioni d'acqua in alcuni istituti: chiedevano che le scuole restassero chiuse

VALLO DELLA LUCANIA. Il dibattito degli ultimi giorni si è concentrato sull’allerta meteo diffuso dalla Protezione civile della regione Campania. Alcuni comuni, infatti, hanno deciso di chiudere gli istituti scolastici, altri li hanno lasciati aperti. E’ ovvio che la scelta non si è basata soltanto sulle condizioni meteo del singolo comune, ma anche su un quadro più generale legato ai collegamenti viari che in alcuni casi hanno subito interruzioni, di fatto creando disagi anche a studenti, insegnanti ed altro personale scolastico che da altri paesi doveva raggiungere gli istituti scolastici.

Il sindaco di Vallo della Lucania, ad esempio, nella giornata di sabato, proprio alla luce dell’allerta meteo, aveva deciso di chiudere le scuole. Il provvedimento, però, non è stato prorogato nella giornata di lunedì quando altri comuni invece hanno deciso di far restare chiusi i plessi scolastici.

Ciò ha provocato qualche polemica. Alcuni studenti, infatti, hanno segnalato disagi all’interno dei propri plessi. Le piogge copiose, infatti, hanno determinato delle infiltrazioni d’acqua.

“Probabilmente sarebbe stato necessario prorogare la chiusura delle scuole visto che tra sabato e lunedì la situazione non era cambiata, non capisco perché non sia stata prorogata l’ordinanza“, sostiene uno studente di un istituto vallese. Anche altri gli fanno eco: “Le condizioni di sabato e di lunedì erano le stesse: un giorno le scuole sono rimaste chiuse e un altro no. Perché questa decisione?”.

Per fortuna le condizioni meteo per la giornata di domani sono date in miglioramento e così la situazione dovrebbe tornare alla normalità.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.