È il tempo giusto per un’asciugatrice

Con l’arrivo dell’autunno e del brutto tempo cresce il numero di persone tentate dall’acquisto di un’asciugatrice. D’altra parte, sono poche le case che hanno uno spazio pensato per stendere il bucato d’inverno e così si finisce con avere gli stendini in una qualsiasi stanza di casa, soggiorno compreso. E questo non aiuta di certo la salute. Andiamo allora alla scoperta del mondo delle asciugatrici, ancora oscuro per molte persone, così da valutare i vari modelli, come le asciugatrici LG, tutte le promozioni e conoscere le caratteristiche tecniche per effettuare il miglior acquisto.

 

Le dimensioni di un’asciugatrice

Un’asciugatrice è del tutto simile a una lavatrice. Le dimensioni sono generalmente 60x60x85 cm e la carica è sempre frontale. Alcune case produttrici hanno da poco iniziato la realizzazione di asciugatrici più strette (46 cm). La capacità di carico di un’asciugatrice casalinga va generalmente dai 7 ai 9 kg, ma ci sono dei modelli che arrivano sino a 11 kg.

 

Come funziona un’asciugatrice: resistenza elettrica o pompa di calore

Oggi il 98% delle asciugatrici vendute è a pompa di calore. In questo caso l’aria calda che asciuga il bucato è prodotta da una pompa di calore interna alla macchina, il cui funzionamento è analogo a quello del climatizzatore. Questi modelli sono gli unici che raggiungono la classe A.

Sistema ormai superato, anche perché molto più dispendioso da un punto di vista energetico, è quello con resistenza elettrica. In questo caso l’asciugatura avviene tramite il riscaldamento dell’aria attraverso la resistenza elettrica e poi la sua diffusione nel cestello tramite una ventola.  

 

Ma dove finisce l’acqua?

L’acqua estratta dai tessuti viene eliminata con due sistemi diversi. Oggi il più diffuso è quello a condensazione, nel quale l’acqua viene condensata e raccolta in un serbatoio che deve essere svuotato regolarmente e pulito.

Altro sistema adottato, seppure oggi proposto solo come alternativa aggiuntiva a quello a condensazione, è quello a evacuazione. In questo caso l’acqua viene eliminata attraverso un tubo di scarico, proprio come avviene nella lavatrice.

 

Quanto costa comprare un’asciugatrice

Secondo i dati di Altroconsumo, nel 2020 per comprare un’asciugatrice di classe A+ bisognava spendere 380 euro (-30 euro rispetto al 2019), che salivano a 490 per una A++ (-40 euro) e a 680 per una A+++ (-10 euro). Calo che è proseguito anche quest’anno.

 

Come risparmiare nell’acquisto

L’arrivo della brutta stagione coincide anche con il Black Friday. Potrebbe essere proprio questa l’occasione giusta per comprare finalmente l’asciugatrice e liberarsi dei tanto odiati stendini! Per fare un buon affare l’importante è non fermarsi al primo sconto straordinario che si trova online, ma confrontare siti diversi alla ricerca del prezzo migliore. Un suggerimento è quello di individuare prima 2-3 modelli preferiti e poi limitare a quelli la ricerca.

 

Asciugatrice: il vantaggio collaterale

Utilizzare questo elettrodomestico significa in molti casi dire addio, o quantomeno limitarne l’uso, a un altro elettrodomestico: il ferro da stiro. Se si ritirano i capi quando non sono troppo secchi e si ha l’accortezza di stenderli o ripiegarli immediatamente, si può evitare anche di stirarli.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.