Il Parco del Cilento nella top10 dei siti Unesco

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni settimo nella top10 dei siti Unesco più popolari in Italia

L’Italia è il paese al mondo che vanta il maggior numero di siti Unesco (ben 58) ma quali sono i più popolari? Questo dato lo ha fornito la piattaforma Musement. Essa aggrega attività di terze parti e biglietti che gli utenti possono prenotare online. I fornitori di tour hanno accesso per caricare e gestire varie attività attraverso la piattaforma. Le offerte dell’azienda sono disponibili tramite sito web, iOS e Android. Una volta che un cliente prenota un’attività, riceve un voucher digitale o un biglietto elettronico per la prenotazione che può essere salvato sul proprio dispositivo o stampato.

Proprio sulla base dei vari dati raccolti è stato possibile stilare una classifica dei siti Unesco italiani più popolari e nella top10 c’è anche il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Ecco la top ten: 1. Piazza del Duomo a Pisa, 88.340 recensioni 2. Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale, 61.205 recensioni 3. Costiera Amalfitana, 50.095 recensioni 4. Residenze Sabaude, 50.037 recensioni 5. Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata, 47.701 recensioni 6. Portovenere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto), 40.385 recensioni 7. Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula, 39.628 recensioni 8. Il Palazzo reale del XVIII secolo di Caserta con il Parco, l’Acquedotto vanvitelliano e il Complesso di San Leucio, 35.568 recensioni 9. Area archeologica di Agrigento, 34.236 recensioni 10. I Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera, 33.002 recensioni.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.