Vaccinazioni fantasma: scatta l’indagine nel salernitano

Vaccinazioni fantasma per ottenere il green pass. Scatta l’indagine in Provincia di Salerno. Sarebbero una quindicina i falsi vaccinati scoperti nell’Agro sarnese nocerino. I loro nominativi risultano regolarmente inseriti nell’elenco dei soggetti vaccinati, sulla piattaforma Soresa della Regione Campania, ma in realtà non hanno mai ricevuto il siero.

La scoperta è stata fatta a Scafati. Il personale di turno al centro vaccinale del Covid hospital, raffrontando la documentazione cartacea riepilogativa dei soggetti ai quali era stato somministrato in giornata il vaccino con le informazioni registrate sulla piattaforma Soresa, si è accorto che qualcosa non quadrava.

In quella stessa giornata risultavano vaccinate all’ospedale di Scafati otto persone in più rispetto ai nominativi che erano stati registrati sui moduli cartacei. Allertata l’Asl sono stati avviati i controlli. Otto persone risultavano registrate e vaccinate in quello stesso hub nella giornata di martedì, ma nessuno tra il personale sanitario di turno a Scafati aveva somministrato loro in siero. Inevitabile la denuncia ai carabinieri. 

Il sospetto è che qualcuno, utilizzando le credenziali in dotazione al personale dell’hub vaccinale dell’ospedale Mauro Scarlato di Scafati, abbia avuto accesso da remoto alla piattaforma Soresa, riuscendo così a inserire i dati delle somministrazioni fasulle, con lo scopo di garantire agli interessati l’ottenimento del green pass.

Ma false certificazioni sarebbero emerse anche a Nocera Inferiore. Ora sul caso indagano i carabinieri.