Terza dose: somministrazioni dalla prossima settimana

Dalla prossima settimana via libera alla terza dose di vaccino. Riguarderà, almeno per ora, 52mila pazienti campani fragili e immunodopressi. Poi si passerà agli anziani ospiti delle Rsa, al personale medico e paramedico e infine a dializzati ed over 70.

A cosa servono le terze dosi?

La circolare del ministero della Salute, trasmessa alle Regioni il 14 settembre scorso, ha identificato dieci categorie di pazienti a cui destinare una dose aggiuntiva di vaccino a completamento del ciclo vaccinale primario (fatto di due dosi).

Serve per raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria in persone che hanno difese compromesse a casa della malattia da cui sono affetti e dalle terapie cui sono sottoposti. Va somministrata dopo almeno 28 giorni dall’ultima dose. Dopo le categorie a rischio, il resto della popolazione sarà chiamato alla terza dose: in questo caso dovranno essere passati almeno 10 mesi dall’ultima somministrazione.

Come ci si prenota?

Gli immunodepressi già censiti non deambulanti verranno avvisati per Sms dalle Asl e vaccinati presso il loro domicilio. Saranno raggiunti in ordine cronologico rispetto al tempo di completamento del primo ciclo vaccinale.

Tutti i deambulanti potranno invece recarsi presso i punti vaccinali già operanti nei vari territori delle Asl e accedere alla terza dose senza prenotazione esibendo un documento di riconoscimento e una autocertificazione.

Quali sono le categorie prioritarie?

Sono i pazienti immunodepressi: trapiantati d’organo in terapia immunosoppressiva, trapiantati di midollo per neoplasie del sangue (entro 2 anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva antirigetto), pazienti in attesa di trapianto d’organo, pazienti sottoposti a terapie Car-T, affetti da patologie oncologiche ed onco-ematologiche in trattamento con farmaci immunosoppressivi a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure, affetti da immunodeficienze (sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune etc.), immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (terapia con cortisone ad alto dosaggio protratta nel tempo, farmaci immunosoppressori, farmaci biologici), dialisi e insufficienza renale cronica grave, pregressa splenectomia, sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids) con linfociti CD4 molto bassi o sulla base di giudizio clinico.

 

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.