Pegaso Agropoli
domenica, Settembre 19, 2021
HomeAttualitàFerrovia in Cilento, Italia Nostra: "riportare questione al centro dell'attenzione"

Ferrovia in Cilento, Italia Nostra: “riportare questione al centro dell’attenzione”

«Inspiegabilmente le forze politiche sia a Roma che in Campania si comportano come se l’alta velocità tra Salerno e la Calabria già esistesse, dimenticando che almeno fino al 2030 la tratta cilentana della ferrovia resterà l’unico collegamento ferroviario di importanza nazionale tra Roma e Reggio Calabria». Così in una nota Italia Nostra Cilento Lucano.

Ferrovia in Cilento: il caso in Parlamento

L’associazione, quindi, ringrazia per il sostegno la Senatrice De Petris di LEU, che con un ordine del giorno al decreto Sostegni bis, ha riportato all’attenzione pubblica la questione dell’ammodernamento di questo percorso (leggi qui).

Gli interventi necessari

Ma c’è altro oltre alla messa in sicurezza della ferrovia. I tecnici evidenziano l’importanza di interventi che consentirebbero di mantenere appetibilità e convenienza al transito da parte dei principali vettori ferroviari.

I treni veloci, Italo e Frecciarossa, che da alcuni anni collegano il Cilento direttamente con le altre aree del Paese, hanno generato un rilevante incremento dei flussi turistici, con la piena soddisfazione dei vettori, che mirano alla remuneratività dei collegamenti.

«Sono urgenti e necessari interventi strutturali e di adeguamento sagome delle gallerie principali. In alcuni tratti, per la presenza di fenomeni franosi, i treni, anche quelli veloci sono obbligati a muoversi a 30 Km/h», evidenziano da Italia Nostra.

E aggiungono: «Se si mettesse mano a interventi di poche decine di milioni, molto meno degli oltre 9 miliardi di euro dell’AV SA-RC, sarebbe possibile un aumento della sicurezza della tratta oltre a un aumento della velocità media dei treni».

Non solo: «diminuirebbe la pressione del traffico stradale su di una rete viaria già insufficiente per gli stessi residenti, del tutto inadeguata a supportare le presenze turistiche. Senza considerare che una sola frana potrebbe spezzare l’Italia in due, con danni economici incalcolabili»

L’appello di Italia Nostra

Il Cilento e più in generale l’area compresa tra Paestum e Sapri, fino a Maratea, è una zona di pregio ambientale e culturale, con vari siti Unesco, un Parco Nazionale e un’economia turistica muove ogni anno flussi di circa tre milioni di presenze, osservano da Italia Nostra.

«Sistemare la nostra ferrovia significa collegare i cilentani, sviluppare il turismo, rendere più veloce il percorso verso la Calabria, diminuire le emissioni di gas serra», aggiungono dall’associazione.

«Tutto il Cilento dovrebbe ringraziare la senatrice De Petris per la sensibilità dimostrata verso questi territori – concludono da Italia Nostra – Tutto il Cilento, già inspiegabilmente escluso dall’AV, dovrebbe svegliarsi e chiedere ai propri referenti regionali e nazionali i motivi di questo perdurante ostracismo napoletano e romano verso i nostri territori».

Luisa Monaco
Appassionata di fotografia, studia all'accademia delle arti. Ama scrivere e disegnare, segue la politica e la cronaca del suo territorio.

Membership