Vallo, la storia di Angela: la prima infermiera positiva al covid

Angela Di Pizzo ha vissuto le fasi più tragiche della pandemia. Ha assistito la prima paziente covid ed è stata lei stessa contagiata

VALLO DELLA LUCANIA. “È un momento difficile per tutti noi operatori sanitari. Abbiamo assistito il primo caso covid di tutta la Regione Campania ed ora siamo sicuramente tra le strutture in prima linea in questa emergenza”. A tre giorni dalla giornata internazionale dedicata agli infermieri, arrivano le parole di Angela Di Pizzo, infermiera in servizio presso il pronto soccorso dell’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania.

Angela, originaria di Cuccaro Vetere è stata la prima operatrice sanitaria del San Luca a risultare positiva al Covid 19. Dall’inizio della pandemia è stata in servizio presso il Pronto Soccorso e nel reparto Covid, aperto nella prima fase dell’emergenza all’ospedale del centro cilentano prima dell’attivazione della struttura Covid ad Agropoli. Ed è stata Angela Di Pizzo la prima a ricevere il vaccino quando quattro mesi fa, anche la San Luca è iniziata la somministrazione del siero anticovid agli operatori sanitari.

Anche in quella occasione Angela non é riuscita a trattenere le lacrime ricordando i mesi difficili affrontati insieme ai colleghi. Esattamente un anno fa, erano i primi giorni del mese di aprile, Angela si ritrovò all’attenzione pubblica quale primo caso positivo tra i sanitari del San Luca. Un primo tampone positivo, poi subito un secondo, fino all’esito della negatività.

Nelle settimane successive ci sono stati altri casi Covid tra il personale del San Luca, anche colleghe di Angela Di Pizzo, ma la notizia della sua positività destò non poca attenzione. Il primo caso di Coronavirus tra i medici e gli infermieri del presidio sanitario di Vallo, la prima struttura ospedaliera di tutta la Campania ad accertare un caso di Coronavirus.

Il 26 febbraio dello scorso anno, proprio presso il pronto soccorso che vede Angela in servizio, arrivò la ragazza di Montano Antilia. La biologa in servizio a Cremona era rientrata per qualche giorno nella frazione Abatemarco del comune cilentano. Iniziò ad avvertire i primi sintomi. Si presentò al San Luca dove fu assistita per poi essere trasferita a Napoli.

Angela Di Pizzo ricorda bene quei giorni. “Ancora non sapevamo che cosa ci aspettava. Ci siamo ritrovati tutti in una situazione difficile e drammatica. Ancora oggi ringrazio il direttore sanitario Adriano De Vita che nei difficili momenti della mia positività mi è stato sempre vicino. Un grande grazie anche al mio coordinatore Arcangelo Paolino”.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!