Capaccio: multe fino a 10mila euro per chi provoca incendi

Ecco l'ordinanza del sindaco Franco Alfieri

CAPACCIO PAESTUM. Mano pesante del Comune per chi dovesse provocare direttamente o indirettamente incendi in pineta e in generale nelle aree boschive del territorio di Capaccio Paestum. E’ quanto prevede un’ordinanza firmata dal sindaco Franco Alfieri e valida dal 15 maggio al 20 settembre.

Ordinanza anti – incendi, le regole

In questo periodo i proprietari o detentori a qualsiasi titolo, non frontisti di terreni coltivati, o se incolti, fortemente inerbiti, ricadenti in tutto il territorio comunale sono chiamati a garantire alcuni interventi di manutenzione. Nel dettaglio dovranno rimuovere sterpaglie, cespugli, rovi, sottobosco, ramaglie, erbe secche, arbusti e piante arboree infestanti o altro, nonché ogni altra possibile fonte d’incendio, rifiuti compresi.

Gli oneri per i titolari di strutture ricettive

L’ordinanza è valida anche per i gestori e conduttori di campeggi, villaggi turistici e alberghi, che dovranno realizzare immediatamente lungo tutta la linea di confine con le aree boscate una fascia di protezione della larghezza di venti metri, sgombra di erba secca, sterpi, residui di vegetazione e materiale infiammabile, adottando idonei sistemi antincendio, per evitare l’insorgere di focolai ai margini degli impianti turistici.

Le altre disposizioni

Gli stessi soggetti devono assicurare, lungo i propri confini, un’apposita fascia frangifuoco non inferiore a 10 metri. Per i proprietari di terreni laterali alle strade comunali, provinciali, e vicinali, nonché tutti i proprietari frontisti di aree e spazi pubblici o gravate da servitù di uso pubblico, sono obbligati alla pulizia, per una fascia frangifuoco non inferiore a 50 metri, dei propri terreni da ogni residuo vegetale e/o da qualsiasi materiale.

Vietato almeno fino al 20 settembre anche bruciare nei campi, anche in quelli incolti, le stoppie delle colture, dei prati e delle erbe infestanti nonché gli arbusti e le erbe lungo le strade comunali, provinciali e vicinali. Sono vietate, inoltre, tutte le azioni e le attività determinanti anche solo potenzialmente l’innesco d’incendio. I proprietari e i possessori, a qualsiasi titolo, di terreni ricadenti in tutte le predette fattispecie, saranno ritenuti responsabili dei danni che si verificassero per la loro negligenza o comunque per l’inosservanza delle vigenti disposizioni di legge e delle disposizioni sopra impartite.

Le sanzioni vanno da un minimo di 103,30 a un massimo di 10.329 euro.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!