AlburniAttualità

Osservatorio Astronomico di Petina: dopo anni d’attesa si torneranno a veder le stelle

Già entro fine aprile i lavori potrebbero essere completati

PETINA. Una nuova speranza per l’Osservatorio Astronomico di Aresta. Grazie ad un finanziamento di 200mila euro arrivato nel 2019, è stato possibile avviare una serie di interventi che dovrebbero presto garantirne la piena operatività. Una notizia importante e soprattutto attesa. Tante erano le aspettative del territorio per l’osservatorio astronomico di Petina che però, per quasi un decennio, non è stato funzionante. Poi nel 2019 la svolta: l’amministrazione comunale di Petina riuscì ad ottenere 200mila euro per la riqualificazione tecnologica hardware e software degli impianti.

Osservatorio Astronomico di Petina: verso il completamento dei lavori

Il completamente delle opere è in dirittura d’arrivo. Quelle relative alla sistemazione della struttura sono state completate, così come l’impianto fotovoltaico e il sistema di autonomia elettrica. Restano da eseguire i lavori al telescopio con il montaggio delle nuove apparecchiature che dovrebbero iniziare subito dopo Pasqua e si protrarranno per una quindicina di giorni.

Servirà poi il tempo necessario per effettuare alcuni test e se non ci saranno intoppi per maggio l’osservatorio potrebbe essere pronto e funzionante. Sarà quindi organizzata una nuova inaugurazione ma, come precisa il direttore, l’ingegnere Ettore Marmo, l’auspicio è di riaprirlo quando l’emergenza covid consentirà anche le visite.

Una speranza per il territorio rimasta a lungo disattesa

L’Osservatorio Astronomico si trova in cima agli Alburni, in località Aresta di Petina, a 1300 metri di altitudine, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni. La struttura è nata da un vecchio “casone” che, immerso nel verde dei pianori degli Alburni, ricovero di pastori e mandriani, fu fatto costruire molti anni fa dalla Comunità montana Alburni. L’Osservatorio nel tempo era diventato uno dei più grandi osservatori amatoriali d’Italia. Esso si avvale della collaborazione dell’associazione “Astrofili degli Alburni”.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!