Covid: nuovo focolaio a Caselle, preoccupazione a Roccadaspide e Capaccio

A Capaccio si indaga su veglioni di Capodanno organizzati in spregio alle norme anticovid.

Stabile la curva del contagio nel comprensorio del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Tuttavia il numero di tamponi effettuati risulta limitato come ogni weekend.
Scoppia un nuovo focolaio a Caselle in Pittari: 14 in totale i positivi, 5 registrati ieri. “Si tratta – spiega il sindaco Giampiero Nuzzodi contagi avvenuti tutti, tranne uno, in ambito familiare, tra persone conviventi, già poste in quarantena fiduciaria. Pertanto mi sento di essere cautamente ottimista nel ritenere che il focolaio in atto possa essere stato circoscritto. La conferma di ciò l’avremo nei prossimi due o tre giorni, seguendo l’andamento dei contagi”.

blank

A Caselle in Pittari, come a Serre ed Aquara, le scuole resteranno chiuse. Si proseguirà per un’altra settimana con la didattica a distanza.

L’altro focolaio diffuso sul territorio è quello di Roccadaspide. Presso l’ospedale 25 contagi che hanno poi determinato la diffusione del virus anche in altri comuni come Cannalonga, Castel San Lorenzo, Vallo della Lucania e, in ultimo, a Felitto dove sono risultati positivi 4 cittadini (2 appartenenti allo stesso nucleo familiare).

2 casi ad Altavilla Silentina (con 1 guarito), 3 a Serre, 4 a Capaccio Paestum (2 i guariti). Qui gli agenti della Polizia Municipale indagano su dei veglioni organizzati la notte di Capodanno a dispetto delle norme anticovid. Ciò avrebbe provocato circa una ventina di positivi.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Luisa Monaco

Appassionata di fotografia, studia all'accademia delle arti. Ama scrivere e disegnare, segue la politica e la cronaca del suo territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it