Agropoli: Puc verso l’approvazione, malumori in maggioranza

Il 28 dicembre dovrebbe essere convocato il consiglio comunale

Entro fine anno Agropoli avrà il Puc. Il piano urbanistico comunale andrà a sostituire il vecchio piano di fabbricazione ormai datato e risalente al 1972. Se ne parlava da tempo. L’approvazione del preliminare, infatti, risale al 2013, sotto l’amministrazione Alfieri, ma già nell’ottobre del 2006 l’amministrazione comunale, all’epoca guidata dal sindaco Antonio Domini, provvide ad approvare un nuovo strumento urbanistico. Il Tar e il Consiglio di Stato, però, ne annullarono la delibera di adozione a seguito del ricorso presentato da alcuni imprenditori.

blank

Puc, l’iter verso la conclusione

Ora l’iter sembra veramente arrivato a conclusione, anche perché la Regione Campania ne impone l’approvazione entro il 31 dicembre. Il motivo di un lasso di tempo così lungo trascorso dai primi atti alla definitiva adozione è chiaro. Molti gli interessi in campo, soprattutto della classe politica ed imprenditoriale. Alfieri prima e Coppola poi, hanno dovuto fare un duro lavoro di mediazione per provare ad accontentare tutti e al contempo tentare di tutelare gli interessi della comunità.

Il 28 dicembre potrebbe essere la data del consiglio comunale che dovrà discutere ed approvare il Piano Urbanistico Comunale. Il condizionale è d’obbligo poiché, scadenze a parte, sul Puc si manifestano i malumori di diversi consiglieri comunali.

I malumori

Che L’amministrazione non fosse coesa era evidente da tempo. Al sindaco Adamo Coppola in questi anni sono arrivate critiche sibilline (e non) da parte dei suoi stessi consiglieri e assessori. Con il Puc da approvare i mal di pancia sono venuti fuori ancora più forti. Diversi consiglieri comunali avrebbero avanzato delle richieste. Non tutti hanno potuto essere accontentati e ciò sta surriscaldando l’atmosfera.

I prossimi giorni potrebbero essere decisivi ma di fatto l’impressione è che alla fine una quadra si troverà considerata anche la larga maggioranza su cui può contare il primo cittadino.

Non sembra impensierire neanche la posizione dei quattro consiglieri comunali che nei mesi scorsi decisero di fare un passo indietro lasciando la maggioranza e proclamandosi indipendenti (una scelta che pare più dovuta a ragioni personali che ad interessi pubblici). Anche loro hanno avuto da ridire sul Puc, ma di fatto pare abbiano fatto un passo indietro rispetto all’iniziale dissenso (semmai ci sia veramente stato).

Non sembra invece preoccupare la posizione del presidente del consiglio comunale Massimo La Porta che avrebbe trovato un punto di incontro con il primo cittadino, anche se ciò ha fatto storcere il naso a qualcun altro.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it