Morti al centro covid ad Agropoli? Colpa è dell’assenza di assistenza territoriale

Scotillo: "Nessuno tocchi il personale"

Molte polemiche, in questi giorni, sono sorte sull’Ospedale Centro COVID di Agropoli e su paventati eccessi di morti collegati alla virosi che sarebbero, a dire di qualcuno, al di sopra della media degli altri centri. La cosa più brutta è che le esternazioni proferite da qualcuno si potrebbero interpretare nel senso che le morti occorse siano dovute a colpa medica o infermieristica. Su tale aspetto bisogna sgomberare il campo da ogni dubbio. La professionalità e la competenza di professionisti sanitari non può essere messa in dubbio.

“Siamo sicuri che gli Infermieri ed i Medici del Presidio di contrada Marrota hanno fatto tutto quello che era possibile per salvare vite umane.” Spiega Rolando Scotillo della FISI che denuncia “La spiegazione ad un alto numero di morti risiede solo ed esclusivamente nella mancanza di una idonea assistenza domiciliare alle persone che hanno contratto il virus e sono stati posti in quarantena domiciliare che hanno visto aggravate le loro condizioni cliniche, senza che nessuno istaurasse una terapia adatta, fino a quando non hanno avuto la polmonite bilaterale e dispnea. Infatti, più e più volte, la ASL ha pubblicizzato di non recarsi in Ospedale fino a quando, seppur positivo ed in presenza di febbre, la persona colpita dalla virosi non avesse avuto dispnea. Proprio questo fatto avrebbe potuto scatenare o aggravare una polmonite bilaterale diffusa e, come aggravante, la cosiddetta “C.I.D.” (coagulazione intravascolare disseminata) che inevitabilmente porta alla morte.”

Disorganizzazione e mancata assistenza domiciliare che la FISI non ha lesinato nel denunciare alla Magistratura napoletana ed alla Procura di Napoli, dove ha depositato un esposto per strage colposa nei confronti dei Direttori Generali delle ASL, del centro di crisi regionale e del Presidente della Giunta Regionale, colpevoli di aver sottovalutato la situazione e di aver abbandonato i pazienti al loro domicilio impedendo loro una cura adeguata. “I medici, gli infermieri e gli OSS che curano ed assistono questi tipi di pazienti sono eroi che a rischio della loro vita giorno per giorno danno il massimo. Nessuno li tocchi, bisogna solo ringraziarli ed inchinarsi, chi ipotizza colpe si deve solo vergognare.” Chiude Scotillo.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Un commento

  1. A questo punto Mi domando, il distretto sanitario si comporta in egual modo sull intero territorio, il punto era il numero di decessi superiore ad altre strutture, dove la competenza è sempre della stessa ASL, quindi la risposta non è soddisfacente

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!