Il Distretto Rurale-Culturale “Cilento Antico” presto sarà realtà

Completata la documentazione, carte in Regione

È in dirittura d’arrivo il Distretto Rurale-Culturale “Cilento Antico”. Nei prossimi giorni, sarà presentato l’intero incartamento alla Regione Campania e da lì il Distretto potrà essere considerato una realtà a tutti gli effetti. Nato dalla collaborazione tra il Gruppo di Azione Locale “Cilento Regeneratio”, il Flag “Cilento Mare Blu”, FareAmbiente, l’Unci Campania, la Banca di Credito Cooperativo di Aquara e il Comune di Capaccio Paestum, il Distretto Rurale-Culturale è un incubatore che vede diversi punti programmatrici: tutela e valorizzazione dell’ambiente, riqualificazione del paesaggio, diversificazione dell’economia rurale, competitività territoriali, pianificazione del territorio e qualità della vita. Aspetti che possono essere riassunti nella lotta allo spopolamento dei piccoli centri, anima del distretto stesso, e nella creazione di posti di lavoro.

blank

Esso viene finanziato da vari fondi pubblici provenienti da Bruxelles e dalla Regione, ma ha anche quote private. Al momento si contano oltre 100 aziende e la partecipazione 21 comuni dell’area cilentana, riunitisi sotto l’egida del cambiamento e dell’investimento nel futuro.

Tra i promotori dell’iniziativa vi è senza dubbio il professor Vincenzo Pepe, presidente onorario della Fondazione Giambattista Vico di Vatolla e presidente nazionale di FareAmbiente: «Il Cilento ha immense potenzialità – spiega – ma sono distanti tra loro e di questo passo rischiano di cadere nell’oblio. Questa nuova realtà vuole mettere in rete tutto ciò che il territorio ha da offrire dal punto di vista geografico, culturale, enogastronomico, storico e paesaggistico. Gli esempi sono tantissimi – aggiunge – abbiamo ad Orria le opere e la casa-museo del grande pittore Paolo De Matteis, a Lustra abbiamo il centro storico di Rocca Cilento, a Vatolla troviamo Vico e Palazzo Vargas. A Cicerale ci sono i ceci, a Salento le castagne, a Gioi la soppressata e potrei continuare all’infinito – ragiona Pepe – ma queste sono soltanto alcune delle nostre eccellenze».

Il lavoro e le iniziative del nascente soggetto hanno subito dei rallentamenti per l’emergenza sanitaria data dal Covid: «Ad Agropoli siamo pronti a riaprire la Fornace – dichiara il professore – l’allestimento è stato completato e attendiamo disposizioni per poter finalmente inaugurare». Il nome dato al distretto non è assolutamente casuale: «Ho scelto “Cilento Antico” perché in queste due parole c’è tutto: le nostre radici, ciò che mangiamo, i nostri nonni, l’aria che respiriamo, il sole, le montagne, i boschi ma anche i piccoli paesi, beni da preservare e valorizzare». Un punto quest’ultimo a cui il Gal “Cilento Regeneratio” lavora da tempo e su cui continuerà ad investire: «Il Covid ha insegnato a tutti il valore del piccolo paese. Lì c’è l’essere di Parmenide – conclude Pepe – il benessere, lo stare bene. Ed è da lì che si deve ripartire».

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Arturo Calabrese

Appassionato di giornalismo dai tempi del liceo, si occupa di cultura ed eventi, non disdegnando la cronaca e l'attualità. Per InfoCilento conduce programmi televisivi. È collaboratore del quotidiano "la Città", di televisioni locali e del blog #mifacciodicultura. Laureando in beni culturali impiega il poco tempo libero nel volontariato con la Fondazione Telethon

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it