AttualitàCilento

Riorganizzazione ospedale di Roccadaspide: “assistenza va tutelata”

Dalla Cisl dicono si alla riorganizzazione ma chiedono maggiori garanzie per pazienti e personale

“Riorganizziamo l’assistenza ma in tutela”, Lo afferma il segretario generale della Cisl Fp, Pietro Antonacchio riguardo all’ospedale di Roccadaspide. Di recente, infatti, è stato disposto l’accorpamento dei reparti di Lungodegenza e di Medicina al fine di concentrare le risorse e impiegare parte del personale nella gestione dell’emergenza SARS-COVID-2. Una proposta che non piace: “si rileva che nella fattispecie specifica i locali dell’attuale U.O. di Lungodegenza verrebbero destinati per l’OBI (Osservazione Breve Intensiva) per i sospetti COVID del Pronto Soccorso, in attesa dell’esito del tampone NOF e/o comunque in attesa di trasferimento verso i centri Hub”.

“Tale disposizione – osserva Antonacchio in una nota all’Asl – potrebbe confliggere con la strategia aziendale, atteso che non sembrerebbe supportata da alcun provvedimento della direzione strategica e nell’attuale momento di crisi assistenziale derivante dal porre esclusiva attenzione all’epidemia in atto, potrebbe gravemente minare il diritto fondamentale alla salute per tutti i pazienti NO/Covid che non stanno più trovando punti di riferimento in nessuna struttura residenziale pubblica.
Inoltre è il caso di sottolineare che, qualora nella strategia complessiva aziendale siano date indicazioni riguardo alla identificazione della struttura in quanto Covid, appare evidente che sarebbe opportuno, in primo luogo identificare percorsi e avere le dovute garanzie di avere tutti i dispositivi individuali di protezione, l’identificazione di zone filtro e spogliatoi con doccia.
Pur tuttavia, nell’ambito di favorire il processo di riorganizzazione della filiera sanitaria ed assistenziale, è opportuno rilevare che i locali in questione si trovano al centro dell’edificio, al 1^ piano, con nessuna possibilità di differenziare i percorsi e i flussi di utenti ed operatori, ma l’elemento preponderante è definito da un impianto di areazione che non permette di essere escluso dalla rete centralizzata in modo tale da contenere la diffusione e il contagio del virus”.

Vengono poi indicati in una nota inviata all’Asl una serie di interventi necessari per mettere in tutela operatori e cittadini:

1 Tendostruttura (ancora in fase di allestimento e priva di quanto necessario all’attivazione funzionale), un posto di controllo fisso nell’area parcheggio immediatamente dopo il cancello di ingresso principale con la dotazione di una tendostruttura che richiede l’impiego di due unità sanitarie (Infermiere e OSS) fornite dei relativi dispositivi e presidi; questa avrebbe il compito di differenziare i flussi di utenti verso percorsi COVID e COVID–free, minimizzando la promiscuità dell’utenza che accede al Pronto Soccorso e riducendo al minimo il rischio di contagio.
2 Ridurre i lunghi tempi di risposta circa il processamento del tampone NOF, poiché in alcuni casi rimaniamo in attesa che venga consegnata la strumentazione per il processamento di tamponi molecolari che risulta già acquistata e in fase di approvvigionamento entro il fine settimana;
3 Identificazione di uno spazio contumaciale unico presso la struttura ospedaliera e anziché dotare ogni reparto di una o più stanze contumaciali come finora accade, per la qual cosa è stato disposto ed eseguito un sopralluogo dei locali dell’U.O. di Ortopedia che risponderebbero alle caratteristiche tecnico-strutturali a garanzia delle norme sulla gestione del rischio clinico per le motivazioni come di seguito elencate:
a) I locali dell’U.O. di Ortopedia si collocano al terzo piano della struttura, considerato che la degenza ortopedica è stata anzitempo allocata presso il secondo piano nei locali dell’U.O. di Chirurgia e che attualmente l’ex Ortopedia ospita solamente la Sala Gessi, gli studi medici e i servizi annessi utili all’attività ambulatoriale che potrebbero altresì essere collocati nei pressi dell’attuale Lungodegenza come ipotizzato, nelle more di una continuità assistenziale tra percorso Ortopedico-Traumatologico e Riabilitativo annesso, vista anche la messa in opera corrente dei lavori per la strutturazione della riabilitazione a piano terra;
b) Punto di primaria importanza è considerata la centralizzazione dell’aria condizionata quale elemento di diffusione e contagio del virus ma è stato appurato dal personale tecnico che i locali dell’U.O. di Ortopedia hanno i requisiti strutturali e impiantistici poiché l’impianto può essere escluso dal circuito di areazione della rete dell’edificio;
c) Possibilità di attivare un ascensore ad uso esclusivo, che percorre tutti i piani compreso il seminterrato, per il trasporto dell’utenza sospetta direttamente dai locali del P.S. verso il reparto in questione.
Per quanto espresso inoltre, si rimarca la necessità che la formazione del personale di un’azienda è determinante per una corretta gestione dei flussi produttivi, e nella fattispecie le aziende sanitarie sono definite, secondo i modelli di organizzazione del lavoro, le aziende a più elevata complessità organizzativa.
Esse richiedono un intervento prioritario e completo nella formazione, nella pianificazione e gestione dei processi assistenziali.
Allo stato dell’arte, ormai IV fase Covid-19, il processo formativo rispetto ai bisogni del personale sanitario richiede conoscenze e competenze attese e raggiunte in brevissimo tempo.

Infine si chiede:
1. Formazione “preventiva” del personale sanitario, amministrativo e dei servizi esternalizzati che si definisce nel saper riconoscere e utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuali di base e aggiuntivi, identificando inoltre nei vari setting assistenziali, luoghi appropriati per la vestizione e la svestizione dei DPI, considerando modalità e tempi opportuni;
2. Necessaria una formazione sulle norme comportamentali al fine di ridurre al minimo il rischio di infezione e contagio;
3. Revisione dei percorsi;
4. Considerata l’obsoleta organizzazione aziendale, si rende necessaria e improcrastinabile l’adozione di una riorganizzazione dei servizi che sulla base della necessità di erogare prestazioni multi specialistiche, possa rivisitare e rinnovare i processi e le procedure assistenziali.
In conclusione e per quanto esposto, si invita ad attivare ogni utile procedura per la messa in tutela di operatori ed utenti, nell’ambito e nel rispetto del D.lgs 81/2008, al fine di realizzare al meglio la razionalizzazione dei percorsi adeguandoli coerentemente alla riorganizzazione messa in atto per contrastare l’evolversi della pandemia e favorire prioritariamente l’uscita da questa particolare e complessa situazione di crisi assistenziale”.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it