AttualitàCilento

VIDEO | Agropoli, intervista a Pierluigi Iorio, direttore teatro De Filippo

Il teatro tra i settori colpiti dall'emergenza Covid, ne parliamo con Pierluigi Iorio

Sono tanti i settori colpiti dall’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Tra essi, maggiormente, c’è da annoverare il comparto del teatro, dei cinema, degli spettacoli culturali dal vivo. È dal mese di marzo, quando venne emanato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che molti teatri hanno abbassato le serrande e sbarrate le proprie porte senza riaprirle. La situazione ha colpito un indotto molto ampio che non riguarda soltanto gli artisti, impossibilitati ad esibirsi, ma anche i lavoratori dello spettacolo quali tecnici, fonici, sarti, grafici. Sulla questione interviene il direttore artistico del teatro “Eduardo de Filippo” di Agropoli Pierluigi Iorio.

Direttore, come sta il teatro?

È un’ottima domanda dalla difficile risposta. È dal mese di marzo che siamo chiusi. Qualcosa è stata fatta, qualche spettacolo si è tenuto, ma non si lavora come si dovrebbe. Le maestranze dello spettacolo ammontano a 350mila unità e ciò vuol dire che in Italia abbiamo 350mila famiglie che a fine mese non hanno più un reddito da marzo. Nemmeno l’estate appena conclusa, nonostante ci sia stata tantissima libertà di movimento, ha portato lavoro per il teatro e oggi ne paghiamo le conseguenze. Il teatro non gode di buona salute anche perché è visto, insieme ai cinema, alle palestre, alle scuole, un luogo dove il contagio è altissimo, mentre su altro si sorvola.

Agropoli, negli ultimi 5 anni, ha un teatro diventato un esempio da seguire dalle altre realtà campane e non solo. sarà difficile ripartire?

Come ogni cosa. Rimanere fermi per così tanto tempo rende complesso rialzarsi, ma ce la metteremo tutta. Stiamo progettando di riaprire tra qualche mese e di inaugurare una nuova stagione teatrale nel prossime mese di dicembre. Ancora è presto per poter dare date o nomi, ma ci stiamo muovendo affinché si possa fare qualcosa e ripartire davvero senza se e senza ma.

E il teatro domani?

Se non posso dire nulla della progettazione è perché non abbiamo certezze nel futuro. Non sappiamo se i teatri riapriranno e se funzioneranno a pieno regime, ma noi dobbiamo farci trovare pronti in ogni caso. Come Teatro Pubblico Campano, abbiamo deciso di fermarci anche durante l’estate e non possiamo gettarci a capofitto in una nuova programmazione proprio perché mancano dei punti fermi.

Che tipo di eredità ci lascerà il Covid?

Innanzitutto, speriamo di uscirne quanto prima. Lo faremo sicuramente diversi: ne usciremo impoveriti sia dal punto di vista economico che sentimentale. Sulla situazione economica è inutile tornarci, ma su quelle dei sentimenti possiamo spendere qualche parola. Dopo i primi tempi in cui eravamo tutti amici e ci si voleva bene dai balconi, mentre adesso si leggono tante cattiverie sui social. Ancora una volta ha ragione Umberto Eco: gli imbecilli hanno trovato il diritto alla parola e lo utilizzano in modo pessimo. Ne usciremo impoveriti anche nel cuore. Possiamo e dobbiamo invertire questa marcia prima che sia davvero troppo tardi.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Arturo Calabrese

Appassionato di giornalismo dai tempi del liceo, si occupa di cultura ed eventi, non disdegnando la cronaca e l'attualità. Per InfoCilento conduce programmi televisivi. È collaboratore del quotidiano "la Città", di televisioni locali e del blog #mifacciodicultura. Laureando in beni culturali impiega il poco tempo libero nel volontariato con la Fondazione Telethon

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it