AttualitàCilento

Roccadaspide, giovane devasta pronto soccorso. Sindacati: “fatto grave”

"Bisogna ripensare a come tutelare e salvaguardare cittadini e lavoratori del sistema sanitario"

ROCCADASPIDE. “E’ un fatto grave quanto è accaduto al pronto soccorso per il rischio cui sono andati incontro gli operatori in servizio, a cui va tutta la nostra stima e riconoscenza sul merito per il coraggio mostrato e per non aver perso la testa, situazione che pone il problema di una rete di emergenza/urgenza da potenziare soprattutto per i pazienti fragili psichiatrici con la necessità di definire un percorso laddove tutti gli attori facciano la loro parte e non lasciare la gestione solo ed esclusivamente agli operatori sanitari”. Lo afferma Pietro Antonacchio Segretario Generale della CISL FP di Salerno.

Ieri un giovane di Capaccio Paestum, poi denunciato, è entrato nel pronto soccorso accompagnato con l’ambulanza e una volta dentro ha devastato alcuni locali rischiando di aggredire il personale (leggi qui).

“Un servizio 118 senza accompagnamento delle forze dell’ordine, carabinieri che arrivano dopo un’ora, un paziente che sfascia un pronto soccorso mettendo a grave rischio gli operatori della struttura che sono costretti a scappare in uno alla vigilanza – prosegue il segretario Cisl – Il tutto poiché le politiche di taglio dei servizi che si sono avute fino ad ora hanno messo da parte e non più tenuto conto dell’individuo e della salvaguardia e della tutela fisica degli addetti al settore e di tutte le comunità di riferimento”.

E aggiunge: “E’ uno smantellamento che parte da lontano e si riversa nel quotidiano, dovuto effettivamente ad una politica economicistica ed esclusivamente tendente al risparmio per cui la democrazia sta correndo il rischio di essere smantellata dal Dio danaro. Questa è la verità. Non vi è più nessuna tutela dei territori, tanto più abbandonati quanto più periferici essi siano e tutti i cittadini, utenti e lavoratori sono alla mercè di percorsi frammentati i cui effetti sono intollerabili. Appare evidente che bisogna, nell’ambito della ricostruzione e riorganizzazione dei servizi, avere dei punti di difesa, dei punti filtro agli ingressi di tutti i pronto soccorso poiché all’epoca, quando i drappelli di polizia presenziavano le strutture, tutto ciò non accadeva mai, se non con percentuali irrisorie, nel mentre oggi sono aspetti quotidiani”.

Di qui un invito a “ripensare a come tutelare e salvaguardare cittadini e lavoratori del sistema sanitario e speriamo che il vento cambi e che effettivamente anche il nuovo governo regionale cominci ad ipotizzare un potenziamento delle strutture sanitarie a difesa della brava gente”.

“La tutela degli addetti sanitari – conclude Antonacchio – non passa da norme che aumentano le pene. Anzi spesso la ingravescenza della pene non sortisce alcun effetto, ma passa attraverso la difesa sul territorio dell’operato dei professionisti del settore. Basta con sconsiderate norme che nel concreto non fanno cambiare nulla. Rincominciamo ad ipotizzare dei presidi veri a difesa delle strutture sanitarie atteso che le politiche del disarmo e della diffamazione determinano questi effetti poiché gli addetti sono abbandonati e indifesi nonostante con dedizione e attaccamento al lavoro e la grave carenza di personale, si ergano in completa solitudine a difesa del diritto alla salute di tutta la comunità salernitana”.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it