Majestic
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Ospedale di Agropoli, questione in consiglio. Coppola: “richieste soddisfatte”

Ancora polemiche sull'ospedale civile di Agropoli

AGROPOLI. È stata oggetto di un’interrogazione in consiglio comunale la vicenda relativa all’ospedale civile di Agropoli. A sollevare il caso il consigliere comunale Gisella Botticchio che ha chiesto l’intervento dell’assessore delegato alla sanità Rosa Lampasona. Quest’ultima era però assente e così è intervenuto il sindaco Adamo Coppola a dire la sua sulla situazione del nosocomio concittadino.
La cerimonia inaugurale da parte del governatore Vincenzo De Luca ha scontentato gran parte dei cittadini Agropoli e del suo comprensorio.

Ospedale di Agropoli, promesse disattese

Come anticipato all’indomani da InfoCilento, infatti, il presidio non ha attivi tutti i servizi annunciati (leggi qui). Se il laboratorio d’analisi funzionava h24 già dal primo giugno, la radiologia continua ad essere attiva soltanto per 12 ore. Ma anche il personale è inferiore al necessario e questo, insieme alla necessità di eseguire alcuni interventi strutturali relativi alla pavimentazione in pvc, non permette la definitiva attivazione delle sale operatorie e del week surgery. In stand by anche la rianimazione.

Al momento gli unici servizi in più che vengono offerti dopo la parata del Governatore De Luca sono relativi al pronto soccorso laddove sono presenti rianimatore e cardiologo. Poco rispetto a quanto annunciato che già rappresentava una delusione per la comunità che chiedeva la possibilità di reinserire l’ospedale di Agropoli nella rete dell’emergenza. Così non è poiché i codici rossi e i codici gialli non vengono trasportati ad Agropoli, mentre per gli altri si valuta di volta in volta a seconda della necessità. Insomma tutto è proprio come prima.

Le polemiche in consiglio comunale

Ciò è bastato per far sì che il consigliere Gisella Botticchio definisse la riapertura dell’ ospedale come “una farsa”, accusando il sindaco di Agropoli e la sua maggioranza, in particolare quella del PD, di non aver fatto abbastanza per opporsi a questa situazione.

La vede diversamente il sindaco Adamo Coppola che nonostante il malcontento generale si mostra soddisfatto per i servizi offerti in ospedale.

“Le nostre richieste sono state soddisfatte. Volevamo un pronto soccorso medico (non chirurgico) h24 con laboratorio analisi, radiologia, rianimatori e cardiologo. In questo modo il paziente avrebbe avuto certezza di essere assistito. Questo ci è stato dato – dice Coppola – Ad oggi vengono trasportati solo codici bianchi e verdi ma abbiamo avuto rassicurazioni anche per codici gialli ma non per i rossi perché sarebbero necessari altri reparti”.

“Oggi – ha poi osservato il primo cittadino – neanche Vallo può accogliere tutti i codici rossi”. E ha aggiunto: “Abbiamo avuto segnali che le cose andranno avanti, del resto se così non fosse gli investimenti per le sale operatorie e il week surgery non sarebbero serviti. C’è la volontà di seguire un percorso”.

Le critiche

Parole, quelle di Coppola, che cozzano con la realtà dei fatti e sollevano numerose critiche. E’ ironico Michele Pizza, commissario di Fratelli d’Italia. “Il Paziente cosiddetto Ospedale di Agropoli versa in gravissime condizioni. Nonostante la Cura e la respirazione assistita, oramai è in coma profondo. Malgrado le tempestive cure e gli altissimi interventi ricevuti dai nostri insigni governanti, le speranze di vita sono pressoché nulle.
Si aggrava anche l’ospedale di Roccadaspide, che a seguito di un intervento mal riuscito, perpetrato dai soliti noti, ha perso il Pronto Soccorso e si teme
fortemente per la sua sopravvivenza”.

Elvira Serra, presidente del comitato ISA, parla invece di “segnale positivo dato dal presidente De Luca con l’allargamento dei servizi alla popolazione”. Poi aggiunge: “questo non ci deve vedere soddisfatti. Noi continuiamo e continueremo la nostra lotta perché ci sia una totale autonomia di un vero ospedale presso cui possano essere trasportate con i 118 tutti i codici rossi. La stagione del risparmio sulla sanità deve finire la Campania ha dovuto subire tagli dolorosi a causa non delle amministrazioni regionali ma per la legge di stabilità ed i debiti nazionali”. “Ma questo ha un costo in termini di vite perdute troppo alto .Non si dovrà più fare risparmi sulla pelle della gente”, ha concluso.

La manager sanitaria, Lidia De Sio, espressione della Lega, che da anni lavora in questo settore non risparmia accuse: “Agropoli è una zona geograficamente strategica, situata alle porte del Cilento, ma purtroppo è sguarnita a livello sanitario. Il nosocomio locale è stato gradualmente impoverito, per poi essere chiuso definitivamente nel 2013, nonostante vi fosse la possibilità di rimetterlo in sesto. Il territorio è stato depauperato di quanto necessario per dare alla popolazione una sanità decente e gli abitanti devono percorrere chilometri per poter essere soccorsi e curati. Oggi è destinato a combattere l’emergenza da Covid-19, ma non vi è il personale adeguato: una vittoria ingannevole”.

Intanto il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Mario Pesca, proprio nell’assise di ieri, ha ribadito la necessità di convocare un consiglio comunale monotematico sul caso. Anche i suoi colleghi di partito sono critici con la cerimonia di riapertura dell’ospedale di Agropoli, definita una “sceneggiata”. “Manca il personale, manca persino un cardiologo. In rianimazione sono presenti infermieri a contratto semestrale e rianimatori arruolati da altri ospedali. La maggior parte dei servizi sono fermi o non del tutto operativi perché non arrivano ambulanze”, denunciano il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano e i senatori M5S Francesco Castiello e Felicia Gaudiano. 

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Luisa Monaco

Appassionata di fotografia, studia all'accademia delle arti. Ama scrivere e disegnare, segue la politica e la cronaca del suo territorio.

7 commenti

  1. Che sia stato l’ennesimo atto di una commedia infinita ‘questo è sicuro,mi meraviglia la Dott.ssa Serra che parla di segnale positivo da parte del governatore De Luca, si vede che non segue bene le varie “farse” dello stesso e degli altri commedianti.Al Sindaco Coppola,poi, che dice di essere soddisfatto di quanto fatto,spero che possa rendersene conto di persona dell’assistenza che ha la città di Agropoli.E tutto una farsa, pecoroniii.

  2. Faccio notare che il sindaco Coppola ed il sindaco Alfieri hanno riaperto con forza un ospedale che sarà il riferimento di tutta la parte della provincia che va da Capaccio fino ai confini con la Basilicata. Gli sciacalli sono sempre in azione così come colore che si lamentano per l’apertura a cui ha partecipato tanta gente nonostante il bel tempo ed il Covid. Forse volevano loro riaprire una struttura di eccellenza cime questa di Agropoli. Forza sindaco Coppola continua così che la gente ti riconferma di sicuro.

    1. Esimia “Lorella”,non so chi sei ne mi interessa saperlo,poichè da quello che dici non servi a niente per il buon andamento di una Amministrazione che si dichiari tale, facilmente ,penso, che tu faccia parte di quelle persone “pecore lecc….lo dei Sigg.ri Alfieri e Coppola, che non sono altro che dei Sigg.ri che pensano ai propri affari politico-economici,che sono sicuro che ci sarai invischiata anche tu ,in qualche modo.
      Fino a quando ci saranno delle persone come te, Agropoli, è destinato a scomparire, e mi dispiace tantissimo in quanto io sono un Agropolese DOC non certo come te che sei soltanto una serva dei padroni attuali,vergognatiii.

    2. Lorella,da quello che dichiari,si nota ,sfacciatamente,la tua appartenenza allo “STAFF” Coppola- Alfieri, diversamente,saresti da TSO,ma ti rendi conto di quello che dici? Cosa hanno riaperto Coppola e Alfieri ,che riferimento per la Provincia?Quella commedia messa in atto dal trio De Luca,Coppola,Alfieri non è servita ad altro che far abboccare le persone come te,come già fu fatto il 10 maggio 2017 dal duo Alfieri-De Luca in prossimità sempre di votazioni.Svegliati!!!!
      Fino a quando ci saranno delle persone che la pensano come te ,Agropoli, la grande e bella Agropoliè destinata, purtroppo,allo sfacelo completo.

  3. Cari Anonimi, capisco che la frustrazione di chi viene sempre sconfitto ad ogni democratica tornata elettorale soprattutto quando si è campioni di chiacchiere. Adesso Coppola ed Alfieri hanno portato lustro e ne porteranno ancora anche con l’ospedale. Se voi siete così bravi, liberi e non vi faccio altri complementi altrimenti qualcuno potrebbe fermi della pecora…… vi ricordo che potete partecipare alle prossime elezioni, vincerle e cambiare ciò che non vi piace. Siccome siete tanto bravi ed umili potrete aprire anche un secondo ospedale, un’università e tante altre strutture. I rosiconi che come voi mi direte sono altri si mangeremo il fegato non appena vedranno le vostre opere. Viva Coppola ed Alfieri che hanno fatto capire a De Luca lo sbaglio che stava commettendo. Dimenticavo voi consigliereste Caldoro o la Ciarambino se siete troppo impegnati per candidarvi alle regionali? Ed alle comunali chi consigliereste tra Abate, Pesca e Botticchio, sempre perché i vost i impegni sono così tanti da non potervi interessare in prima persona della nostra città se non in modo a me ignoti?

  4. Lorella ,ricordati che le tanto democratiche tornate elettorali dei tuoi “beniamini” Alfieri e Coppola ,di democratico in effetti non ne hanno avuto tanto, perchè,come penso ti ricorderai, sia Alfieri che Coppola furono sottoposti a perquisizioni da parte della DIA di Salerno per presunto voto di scambio di stampo mafioso,che alla fine anche se c’erano delle intercettazioni telefoniche, tra l’allora Sindaco di Agropoli Alfieri e uno dei capi “ROM” Fiore Marotta,poi ,almeno fino ad ora, non si è saputo più niente.Non credo che la DIA si fosse scomodata per dei “sentito dire”,solo che al momento però tutto tace.Tu chiedi chi sceglieremmo tra i candidati alla Regione Campania, io ti posso dire,senza dubbio Valeria Ciarambino,Caldoro già lo abbiamo conosciuto così come De Luca che se la Legge fosse uguale per tutti,doveva andare a casa con l’applicazione della “SEVERINO”.I “fan” di Alfieri e Coppola,come lo sei tu, purtroppo hanno memoria corta e paraocchi tali da non ricordare le vicende di qualche anno fa di Alfieri e nel non voler vedere quelle odierne,che sono sotto gli occhi di tutti,dell’attuale Sindaco Coppola.
    Abbi almeno l’onestà di stare zitta e aprire bene gli occhi.
    Sappi che anche se anonimo, la frustazione ,per fortuna ,non sò cosa sia , al contrario di tanti che ,pur di ricevere qualche contentino ,sono pronti a vendere mamme e mogli.

  5. A me non interessa parteggiare per uno o per l’altro. C’è da dire che Alfieri né è sempre uscito pulito, adesso se dobbiamo dare spazio alla fantagiustizia sul fatto che forse un giorno Alfieri potrebbe essere qualcosa non andiamo da nessuna parte. Quindi ad oggi Alfieri è pulito pur essendoci state delle intercettazioni che forse hanno solo mostrato come Alfieri nella sua leggerezza e come suo costume parla con tutti, se avesse fatto dei reati come dici tu Anonimo sarebbe in galera cosa che non è. Poi lo stesso per le elezioni di Coppola idem se per quelle di Alfieri sono regolari e se si insinua il contrario equivale a dire che la Prefettura imbosca tutto e favorisce l’illegalità. Alla fine elezioni corrette volenti o meno e sul prossimo governatore si esprimerà il popolo. La Ciarambino per me non è all’altezza soprattutto con un M5S che non sa manco cosa ber se acqua liscia o gassata. Ottimo Caldoro che ha mostrato almeno di essere uomo libero pur avendo le sue pecche come per l’ospedale di Agropoli. De Luca buono per il comune di Salerno e non oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it