Cicerale: isolamento provoca ansie e fobie nei bambini, si alle uscite

Ansie e fobie ma anche altre conseguenze negative per i bambini a causa dell'isolamento: il sindaco di Cicerale firma un'ordinanza

CICERALE. Su 1784 minori in isolamento, il 22% ha riportato sintomi depressivi e il 18,9% ansie e fobie. Lo dice una ricerca pubblicata lo scorso 24 aprile dalla rivista scientifica internazionale Jama Pediatrics. I dati sono rilevanti e preoccupanti tant’è che gli stessi autori lanciano l’allarme di “una cronicizzazione, nel caso in cui la condizione di isolamento dovesse perdurare”. Ma la situazione può essere addirittura più grave: i bambini a causa dell’isolamento domiciliare sviluppano una serie di sintomatologie fisiche come “un peggioramento dell’attività cardiorespiratoria, alterazione del regime alimentare e aumento ponderale, alterazioni dei ritmi sonno/veglia e presentano una serie di stressor emotivi legati a ansia, rabbia, noia e frustrazione”.

L’ordinanza del sindaco Gerardo Antelmo: i bambini possono uscire

E’ motivata da tali considerazioni la scelta del sindaco di Cicerale, Gerardo Antelmo, di firmare un’ordinanza con la quale si punta a garantire maggiore libertà ai più piccoli. Con un provvedimento firmato nella giornata di ieri, infatti, il sindaco ha disposto per tutti i bambini e ragazzi di età inferiore a 16 anni, la possibilità di allontanarsi da casa accompagnati da un componente maggiorenne del proprio nucleo familiare.

Le regole da rispettare per bambini e accompagnatori

I due dovranno mantenere una distanza di almeno tre metri e l’accompagnatore dovrà indossare la mascherina. Disposto, inoltre, il divieto di assembramenti. Le uscite sono consentite dalle 9.30 e le 12 e dalle 17.30 alle 20. L’ordinanza è valida fino al prossimo 4 maggio quando comincerà la fase 2 prevista dal Governo.

Presto un’ordinanza anche per le visite al cimitero

«Il ruolo di sindaco – ha spiegato Gerardo Antelmo – è innanzitutto assunzione di responsabilità. La salute psicofisica dei bambini prima di tutto”. Il primo cittadino non si fermerà al provvedimento dedicato ai bambini: per evitare situazioni di stress, infatti, sta lavorando anche ad un provvedimento che consentirà agli adulti di far visita al cimitero.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente