Pegaso Agropoli
venerdì, Settembre 17, 2021
HomeCronacaEmergenza coronavirus, stop a tutte le attività non indispensabili

Emergenza coronavirus, stop a tutte le attività non indispensabili

“È la crisi più difficile che il Paese sta vivendo dal secondo dopoguerra”. Lo ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte. Il premier ha annunciato la necessità di continuare a rispettare le regole: “non abbiamo alternative, dobbiamo resistere”, ha detto. Poi ha annunciato nuove misure: ” il Governo ha deciso di chiudere ogni attività produttiva che non sia necessaria a garantirci beni e servizi essenziali”.

Stilata una lista dettagliata con i servizi più necessari. Restano aperti supermercati, generi alimentari, farmacie, parafarmacie, banche, poste, assicurazioni, trasporti, attività connesse a quelle essenziali. Al di fuori di queste solo smart working e attività produttive per lo sviluppo nazionale.

“È una decisione non facile che si rende necessaria per contenere quanto più possibile l’emergenza sanitaria – ha detto Conte – ma a tutti dico che lo Stato c’è”

Redazione Infocilento
La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

1 commento

  1. Volevo sapere se meccanici /carrozzieri e chi commercia alcool etilico, isopropilico, metilico, denaturato, bioetanolo, isopropanolo e metanolo gel disinfettanti, possono considerarsi servizi necessari non applicabili in smart working . Grazie

Commenti chiusi