Majestic
CilentoPolitica

Fondi per la Badia di Pattano, Castiello: speculazione politica

Il parlamentare del MoVimento 5 Stelle risponde alle polemiche

Riceviamo e pubblichiamo, di seguito, nota stampa del senatore Framcesco Castiello, in merito alle recenti polemiche relative ai fondi giunti dalla legge di bilancio per la Badia di Pattano.

Come documentato dalla professoressa Rosanna Alaggio docente presso l’Università di Campobasso, la Badia di Santa Maria di Pattano, risalente al IX secolo d. C., “è il complesso monastico italo – greco meglio conservato dell’intera Italia meridionale. La cappella dedicata a San Filadelfo, costruita sopra i resti di un edificio termale di una villa romana, ha costituito uno dei più preziosi e antichi cicli pittorici di matrice bizantina”. Su questo complesso monumentale ci sono già stati in passato molteplici interventi di restauro con finanziamenti pubblici erogati dallo Stato (ordinanza n. 80 Legge 219/81), dalla Comunità Europea (P. S. R. Campania 2007 – 2013), dalla Regione Campania (Legge regionale n. 58/74) e dalla Provincia di Salerno. Esiste, infine, un progetto per il consolidamento ed il restauro predisposto dalla Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno.

Il finanziamento di un milione e trecentomila euro previsto nella recente Legge Finanziaria, da me proposto, è in definitiva un intervento di completamento finalizzato alla messa in sicurezza ed agibilità dell’immobile, con i connessi riflessi in termini di creazione di un attrattore turistico – culturale e di un fattore occupazionale. Le insinuazioni di bassa lega messe in circolo in questi giorni, secondo cui il finanziamento statale andrebbe a favorire i privati proprietari della struttura, dimostrano profonda sconoscenza del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (DLGS n. 42/2004) che a norma degli art. 30 e seguenti prevedono la possibilità dell’accollo dell’onere finanziario da parte del Ministero dei Beni Culturali. In ogni caso il Comune di Vallo della Lucania, che con delibera di Giunta n. 120 del 13 luglio 2012 ha precisato che la Badia di Santa Maria di Pattano “rappresenta una testimonianza storica – artistica di eccezionale interesse in quanto monastero italo – bizantino più integralmente conservato dell’ Italia meridionale”, si è impegnato all’ottenimento di un finanziamento pubblico finalizzato sia al restauro, sia alla creazione del museo materiale e multimediale del Monachesimo da localizzare negli stessi locali della Badia. Correlativamente il Comune ha stipulato apposita convenzione con i proprietari riservandosi l’uso esclusivo in comodato trentennale dell’opera stessa nel rispetto dell’art. 9 della Costituzione, che impone la valorizzazione del patrimonio culturale, nonché dell’ art. 1, comma 2, del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio che prescrive che la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale è necessaria “a preservare la memoria della comunità nazionale e del territorio e a promuovere lo sviluppo della cultura”.

Quel che più desta rammarico è constatare che la speculazione politica è stata fomentata da basisti locali il cui livore è pari alla loro rozzezza culturale. Ad essi mi limito a ricordare il monito di Benedetto Croce: “una comunità che non celebra, o addirittura ignora le sue radici culturali, non ha presente ne futuro”!

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.

Un commento

  1. Siamo al vecchio metodo democristiano. All’ultimo momento si infilava la “saraca”. Sul concetto di cultura abbiamo un’idea diversa. Parliamo di progetto territoriale dei beni culturali nella visione dell’architettura armonica di sviluppo territoriale. Beni pubblici e concessioni pubbliche. Siamo contrari a buttare la pietra e nascondere la mano.conosciamo anche cosa si nasconde dietro il falso concetto di interesse pubblico. Il richiamo normativo dice anche altro. Conosciamo la canzone che viene da lontano. La rozzezza è tipica della cultura chiusa, individualistica e massonica, non certamente del popolo che rivendica il diritto a decidere sul problema spuntato come il coniglio dal cilindro. Pensiamo al progetto da Paestum alla città di Parmenide, allo sviluppo armonico di tutto il territorio.

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it