Il “Cilento tra rivoluzione e tradizione”, a Torraca l’importante convegno storico

Appuntamento l'11 agosto

TORRACA. In tempi di riesami critici dei fatti storici e nostalgie di passati rivoluzionari, un convegno metterà a confronto due scuole di pensiero inscenando un vero e proprio contraddittorio. Da una parte i pro borbonici, dall’altra i sostenitori del protagonista della Spedizione di Sapri, che nel golfo di Policastro ha assunto un valore civico rilevante. L’importante convegno, dal titolo “Il Cilento tra Rivoluzione e Tradizione”, è organizzato dal Comune di Torraca, guidato dal Sindaco Francesco Bianco, e si terrà domenica 11 agosto alle ore 21,00 nella suggestiva cornice del Castello Baronale Palamolla.

Si tratteranno temi storici, dell’insurrezione del 1828, dei moti del 1848 e di Carlo Pisacane. L’iniziativa prevede studiosi del pensiero politico e di tematiche risorgimentali, storici ed esperti,  che relazioneranno al convegno dopo i saluti del primo cittadino. Interverranno il Prof. Vincenzo Abramo, l’avvocato Ennio Apuzzo, l’avvocato Giovanni Falci, l’avvocato e scrittore Franco Maldonato, l’avvocato Silvestro Oliva ed il dott. Edoardo Vitale. Modererà l’incontro la giornalista ed opinionista Rai, Antonella Grippo.

«Abbiamo voluto fare questo convegno a Torraca perché possiamo vantare la presenza, con atti ufficiali e tangibili, di questi due personaggi che hanno fatto la storia: Ferdinando II che arrivò a Torraca nel 1852 e venne a fare visita al barone Palamolla, e successivamente nel 1857 il passaggio di Carlo Pisacane che, arrivato in paese, lesse il proclama ufficiale ai cittadini. Siamo onorati ed orgogliosi – ha concluso il sindaco Bianco – che Torraca sia stata meta di passaggio di personaggi che hanno fatto la storia del nostro territorio e del nostro Paese».

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.