Gold Metal Fusion
AttualitàCilento

Progetto Agrobiocilento: venerdì la presentazione

Si punta al rilancio delle produzioni dell’agrobiodiversità autoctona e l’ottimizzazione della risorsa idrica

Il modello dell’agricoltura chimico-industriale specializzata rappresenta una delle principali minacce per il futuro del pianeta perché contribuisce in modo rilevante ad accelerare i cambiamenti climatici e a ridurre la biodiversità. Pertanto è urgente una transizione verso forme sostenibili di orticoltura policolturale – sistemi ecologici e biologici a zero impatto ambientale legati essenzialmente ad una modalità produttiva sana e senza l’uso di prodotti chimici di sintesi, che combina pratiche colturali tradizionali dell’orticoltura mediterranea con le moderne conoscenze tecnico-scientifiche e tende all’equilibrio dell’ambiente attraverso il rispetto degli organismi viventi e la riattivazione dei cicli naturali all’interno del terreno agricolo, delle rotazioni e della coltivazione di legumi.

Parte da queste premesse la giornata di venerdì 29 marzo quando a Casal Velino, presso l’agriturismo I Moresani, sarà presentato il progetto Agrobiocilento – Agrobiodiversità autoctona del Cilento e miglioramento dell’efficienza irrigua, finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Misura 16 – Sottomisura 16.5 – Tipologia di intervento 16.5.1.

Il progetto mira a favorire la partecipazione delle aziende agricole alle misure del PSR, il rilancio delle produzioni dell’agrobiodiversità autoctona e l’ottimizzazione della risorsa idrica. Per raggiungere questi obiettivi sono state previste 2 differenti modalità di animazione che si integrano tra loro. Da un lato una forma di animazione specialistica/scientifica realizzata da figure di conclamata competenza messe a disposizione da partner specialistici, dall’altro una forma di animazione continuativa svolta da figure esperte locali con l’obiettivo di favorire la metabolizzazione delle innovazioni proposte dai soggetti scientifici e quindi l’effettiva applicazione di queste tecniche all’interno delle pratiche colturali abituali anche con particolare riferimento all’ottimizzazione e gestione della risorsa idrica.

Capofila del progetto ‘e il Consorzio di Bonifica Velia, mentre i partner sono: Consorzio Irriguo di Miglioramento Fondiario di Vallo della Lucania, Dipartimento di Agricoltura di Portici dell’Universiita’ di Napoli, Legambiente, e 12 aziende agricole – Coop Cilento Servizi, Gigliola Cammarota, Maio Felice, Societa’ Agricola I Moresani, Societa’ Agricola La Petrosa, Chirico Benedetto, Galietti Marco, Bortone Cosimo, Romano Francesca, Iannicelli Alberta, Fattoria dell’Alento Societa’ Agricola Arl, Cilento Invest srl.

Appuntamento Venerdì 29 Marzo Ore 10.00.

Tags

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito