Affare Fatto
Attualità

A Paestum muretti a secco al posto della recinzione moderna

La proposta dell'esperto di storia locale Ernesto Apicella

Abbattere l’attuale recinzione di ferro e sostituirla con i muretti a secco. La proposta è dell’esperto di storia locale Ernesto Apicella. L’idea prende spunto da una fotografia del 1889, dove alcuni pastori sono seduti su uno dei tanti muretti a secco in tufo, che un tempo delimitavano l’area archeologica di Paestum e che negli anni sono scomparsi. «Giacché l’Unesco ha iscritto l’arte dei muretti a secco nei patrimoni immateriali dell’umanità, suggerisco agli organi competenti di abbattere l’attuale recinzione, moderna ed antiestetica, per sostituirla con i tradizionali muretti a secco in tufo. Dal punto di vista archeologico e turistico, Paestum ne trarrebbe un notevole vantaggio» spiega Apicella.

Un’idea che restituirebbe alla Città dei templi un elemento della sua storia più recente, altrettanto importante e da preservare, ma che dovrebbe essere ben studiata, considerato che l’attuale recinzione ha soprattutto la funzione di impedire l’accesso a chiunque, come invece avveniva all’epoca della fotografia che ha ispirato l’idea.

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito