Nomasvello
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Ospedale di Sapri: comunità con il fiato sospeso

Altri due comuni aderiscono alle iniziative di protesta contro la chiusura dei punti nascita

SAPRI. L’incontro tra i comitati lotta per gli ospedale di Sapri e Polla e il Governatore Vincenzo De Luca non è stato positivo. Il presidente della giunta regionale, infatti, ha chiarito che non è disposto a revocare il provvedimento di chiusura dei punti nascita e che gli stessi resteranno aperti soltanto qualora vi sia una deroga da parte del Comitato Nazionale Percorso Nascita (leggi qui). Se ne saprà di più nei prossimi giorni: mercoledì, infatti, sarà inviata la richiesta di deroga da parte della Regione. Oggi, invece, il sindaco di Sapri, Antonio Gentile, sarà ascoltato in commissione Sanità, poi convocherà i sindaci del distretto sanitario per fare il punto della situazione.

Intanto altri due comuni hanno approvato delle delibere contro la chiusura del punto nascita saprese. Si tratta di Vibonati e Tortorella che hanno scelto di aderire alle iniziative di natura politico-istituzionale-amministrativa, intraprese già da altre amministrazioni. Il consiglio comunale di Vibonati ha disposto di richiedere alla Regione di riformulare istanza di deroga per la chiusura del punto nascita, al contempo è stato chiesto l’annullamento del decreto e ancora si è deciso di fare voti a Governo e Parlamento affinché modifichino la normativa di riferimento per i punti nascita con volumi di attività inferiori ai 500 parti e in condizioni orogeografiche difficili. Infine è stato affidato incarico all’avvocato Lorenzo Lentini per proporre ricorso contro il decreto regionale.

Anche il Comune di Tortorella ha intrapreso le medesime iniziative tramite una delibera della giunta comunale.

Tags

Ti potrebbero interessare

Back to top button
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it