Affare Fatto
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Agropoli, città sconvolta per la morte di Alessio Merola

Sul corpo verrà eseguita l'autopsia

AGROPOLI. È una città sconvolta quella che ieri mattina si è risvegliata apprendendo la notizia della tragica morte di Alessio Merola. Le voci sono iniziate a circolare presto, fin dalle otto. Si parlava di un incidente in un cantiere che aveva visto coinvolto un operaio. Poi, invece si è saputo di una vittima, Alessio Merola, costruttore, una persona molto conosciuta e stimata ad Agropoli. Era un uomo molto legato al suo lavoro che svolgeva sempre con passione e dedizione.

Qualità, queste, che lo portavano spesso sui cantieri a verificare di persona le modalità di esecuzione dei lavori e ad eseguire anche piccole opere. Lo ha fatto anche ieri mattina quando, mentre era su una impalcatura al terzo piano di uno stabile di via Pasquale Voso, è caduto giù finendo violentemente su un camion parcheggiato nell’area cantiere. Un vero e proprio dramma per i suoi operai ed altri tecnici presenti sul posto per un sopralluogo. Soprattutto i più anziani, quelli che lo conoscevano da tempo, non sono riusciti a trattenere le lacrime.

“Non è possibile, non può essere vero”, continuava a ripetere uno di loro. Quando lo hanno visto cadere giù sono corsi a soccorrerlo sperando che ci fosse ancora speranza ma così non è stato. Quando poi la notizia ha iniziato a diffondersi, c’è stato un misto di incredulità, rabbia e dolore in città. Anche il sindaco Adamo Coppola, appreso l’accaduto, è accorso sul posto. Il primo cittadino si è detto colpito per questa immane tragedia e vicino alla famiglia della vittima. Per la moglie è i suoi tre figli un dolore improvviso e immane. Un vero e proprio choc sapere che Alessio non sarebbe più tornato a casa. Tanti i messaggi di cordoglio. “Non si può morire così, è stato un vero e proprio dramma”, ha detto Alessandra. Giuseppe, un amico di vecchia data, lo ricorda come una persona “gioviale, amante della compagnia, sempre sorridente”. “Amava la vita è amava il suo lavoro – dice – era instancabile e spesso era fianco a fianco con gli operai”. Questa sua qualità è quella che tutti sottolineano insieme a quel sorriso sul volto “capace di metterti sempre di buon umore”. La comunità agropolese attende ora la data dei funerali per potergli rivolgere un ultimo saluto. Attualmente la salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sarà disposta l’autopsia.

La morte di Alessio Merola rievoca un altro incidente sul lavoro che scosse la comunità: nel 2012, nel cantiere per il cineteatro perse la vita Luigi Renzi, 30enne operaio di Prignano Cilento.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito