Tolomeo
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Agropoli: il mondo delle associazioni si mobilita per Trentova – Tresino

Appello all'amministrazione comunale: "non si può curare quest'area facendo affidamento solo ai volontari"

AGROPOLI. Il mondo delle associazioni scende in campo contro vandali e incivili che devastano l’ambiente. Legambiente e Cai sono state e saranno protagoniste di interventi di pulizia e sistemazione dei sentieri che collegano la baia di Trentova con Tresino, un’area di alto valore naturalistico, patrimonio Unesco, a cavallo tra i comuni di Agropoli e Castellabate.

L’intervento si rende necessario considerata la presenza di rifiuti gettati ovunque ai margini dei sentieri, alcuni dei quali devastati dall’azione dei soliti ignoti. Passerelle e staccionate in legno, in particolare, risultano rotte in più punti. Per questo già lunedì scorso i volontari del circolo Legambiente Agropoli hanno effettuato una prima sommaria pulizia del sentiero che porta da Trentova al Saùco, raccogliendo cinque grandi sacchi contenenti bottiglie di plastica e di vetro, un materassino, una coperta, bidoni, cartoni e materiale vario di plastica. Oggetti abbandonati da qualche bagnante o magari di chi giunge in zona per un pic-nick, dimenticando di portare con sé la spazzatura prodotta.

«Senza l’intervento periodico dei volontari il sentiero rischia di diventare una discarica a cielo aperto – fa sapere il presidente di Legambiente Mario Salsano – Eppure l’area naturalistica Trentova-Tresino è la porta del Parco nazionale Cilento Vallo di Diano Alburni ed è Sito di Importanza Comunitaria, quindi un luogo di notevole pregio naturalistico e paesaggistico, ed ha bisogno di una cura continua che non può essere affidata solo al volontariato, ma richiede un investimento economico costante da parte degli Enti preposti».

In attesa di interventi da parte delle amministrazioni comunali, domenica toccherà ai volontari del Cai immergersi nella natura incontaminata di Trentova – Tresino. Sarà una camminata tra i sentieri, a caccia di rifiuti, ma soprattutto per ripristinare i percorsi della zona. «In seguito al Protocollo d’intesa firmato tra il Club Alpino Italiano ed il Parco – fa sapere il presidente Andrea Scagano – i giovani volontari del CAI Montano Antilia in sinergia con il Circolo Legambiente di Agropoli andranno a manutenere la segnaletica orizzontale bianca e rossa e cercheranno di portare via i numerosi rifiuti presenti». Grazie alla collaborazione del Consigliere comunale di Castellabate, Assunta Niglio, saranno presenti anche mezzi comunali per portare via i materiali raccolti. «Si tratta di piccoli interventi, ma necessari per tutelare un’area che purtroppo è troppo spesso abbandonata al suo destino», chiosano i responsabili delle associazioni ambientaliste.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito