Tolomeo
All news

Vallo di Diano-Cilento: correre dietro a un pallone, il sogno di noi ragazzi di trent’anni fa

Semplicemente divertirci, calciare un pallone era per noi negli anni 80 una passione a costo zero.

Senza pregiudizi, senza montarsi la testa, si giocava ovunque, per strada, nelle piazze, bastava un super santos e sette, otto amici.

Le porte erano le saracinesche dei garage, a ogni goal, il frastuono rimbombava forte tanto da far esplodere di rabbia gli adulti, ossessionati dalle nostre urla ingenue e cariche di gioia.

Quanti palloni sequestrati, quanti pantaloni strappati, quante lacrime versate per una sconfitta non meritata.

Il nostro calcio era questo, puro e sano, i nostri idoli erano gli amici, quelli bravi col pallone, capaci di far goal da qualsiasi parte.

Poi arrivò il campo, quello vero, con l’erba o la sabbia da calpestare con le porte grandissime, le prime sfide in categoria, i primi tornei cittadini.

Emozioni al sol pensiero, una cornice di pubblico che invogliava a correre a sudare, a dare tutto.

In tv passavano le gesta di Maradona, Paolo Rossi, la Nazionale diventava campione del mondo, e noi sognavamo ad occhi aperti.
Eravamo appena ragazzi, bravi ragazzi e, il sabato sera si stava dentro casa a dormire presto perché la domenica le partite iniziavano anche alle 10 del mattino.

Eravamo fieri di noi stessi, sempre pronti a calciare quel pallone.

Soprattutto, giocare non costava niente se non sacrificio e sudore.

Oggi invece, i bambini non giocano più in strada.

Per tirare i primi calci, devono pagare quote di iscrizione alla scuola calcio.

L’ Italia fa figuracce ai Mondiali o, non ci arriva neppure.

Altri tempi direbbe qualcuno, tempi che non ritornano più.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito