Tolomeo
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Frecciarossa in Cilento d’inverno: intesa possibile

Ieri incontro a Roma con i vertici RFI

Dovranno essere studiati i dettagli, ma l’intesa sembra esserci. I vertici di Rete Ferrovia Italiana interessati ad ampliare il periodo di percorrenza del Frecciarossa nel Cilento da aprile a ottobre. Positivo l’incontro svoltosi ieri mattina a Roma.

A sostegno della richiesta della delegazione cilentana i dati in aumento del 2018 che danno ragione all’impegno economico sostenuto dalla Regione. Presenti all’incontro Luca Cascone, in rappresentanza della Regione, Carmelo Stanziola per la Provincia, Cono D’Elia, quale vicepresidente del Parco e Felice Merola presidente dell’associazione albergatori di Palinuro.

Recepita la nostra esigenza, ora vanno studiato i dettagli

“E’ stata recepita la nostra esigenza – commentato D’Elia cautamente ottimista sull’esito dell’incontro – ci è sembrato che la volontà di tutte le parti c’è. Ora vanno studiati i dettagli. La cosa importante che è passata è che la certezza delle corse si avrà già ad ottobre, così che gli operatori possano fare un’adeguata programmazione e trarne maggiori benefici”.

Il servizio da aprile a ottobre

Se la proposta dovesse andare in porto, il Frecciarossa dovrebbe fare scalo nel Cilento da aprile ad ottobre, tre giorni alla settimana, con le modalità e le fermate già sperimentate. Al vaglio in questo momento ci sono i costi che potrebbero influire comunque anche sul numero di corse.

Soddisfatto anche Merola “Si lavora – dice – di concerto tra enti e operatori per garantire un flusso di bassa stagione che vede nel Frecciarossa l’unica seria possibilità di collegamento di qualità ad oggi. C’è l’impegno di tutti affinché la decisione sia, come pare affermativa, per rendere produttivo l’impegno degli enti con ricaduta economica di vantaggio per le imprese e per il territorio”.

Il viadotto di Villammare

Intanto Rfi interviene sui presunti pericoli collegati al ponte ferroviario a Villammare. Innanzitutto una rassicurazione, nessun rischio di crollo. Il cavalcavia è sottoposto a verifiche periodiche. L’ultimo il 14 settembre che ne ha confermato le buone condizioni di staticità.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito