Affare Fatto
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Agropoli, morti di Agostino Chioccini ed Emilio Secci: appello dell’Aifvs alle istituzioni

"Necessari più controlli delle forze dell'ordine"

Le morti di Agostino Chioccini ed Emilio Secci sono avvenute sulle strade del Cilento a distanza di pochi giorni l’una dall’altra, ponendo sotto la luce dei riflettori l’annoso problema strutturale delle arterie di collegamento.

Due casi che hanno causato non poca rabbia e sdegno : “Polizia, carabinieri e vigili urbani dovrebbero controllare il territorio a tappeto, dando prova di una presenza costante. Solo in questo modo è possibile limitare i casi tragici” fanno sapere dall’associazione Familiari Vittime della strada. Un appello è rivolto alle istituzioni: “devono intervenire in modo fermo e deciso, in particolar modo i sindaci di tutti i comuni del Cilento, i quali devono garantire ordine e salvaguardia della vita umana. E’ necessario che ognuno si assuma le responsabilità derivanti dal ruolo che ricopre” .

Teresa Astone, responsabile Aifvs è chiara: “Non è possibile si conti un numero così alto di vittime. Si stima che ogni ora 17 famiglie siano colpite dal dolore della perdita di un familiare. Le strade di tutto il Cilento versano in uno stato a dir poco disastroso. Mi sovviene la frase di Eliot, il quale scrisse ‘La gente ride e si diverte, ma il dolore resta’. Addirittura, e lo vogliamo sottolineare ad Agropoli manca un ospedale e i controlli sono sempre pochissimi. Si intervenga subito”.

Tags

4 commenti

  1. Controlli? Presenza sul territorio? Istituzioni? Ma, vogliamo scherzare? Le cose importanti sono le sagre, le manifestazioni, le inaugurazioni e le tavole rotonde. Ma sia chiaro che non dipende da qualcuno in particolare. Siamo tutti coinvolti, tutti ugualmente responsabili e quindi colpevoli. Non è colpa delle forze dell’ordine, impegnate sul territorio come possono, è l’esigu Del loro numero piuttosto. Sono scelte politiche. A qualcuno certamente farà comodo che siano una trentina i carabinieri ad Agropoli. La guardia di finanza fa controlli a campione in centro, i vigili urbani, fatta salva una decina di loro sono dediti a passeggiare come fossero turisti… la responsabilità è di tutti, cittadini pavidi, politici compromessi e delinquenti che caldeggiano questo status quo. A ben riflettere chi è davvero avvantaggiato da un territorio privo di controllo se non la criminalità presente in quel territorio? O crediamo ancora a Babbo Natale?

  2. Proprio così pensano a fare soldi e a perdere tempo per organizzare stronzate invece di fermare questi strazi . Salerno e provincia quest anno hanno contato troppi morti sulle strade

  3. Da molti giorni sulla piazzola belvedere della strada S. Francesco – Trentova, proprio nel punto del tragico incidente del povero Emilio, sostano ininterrottamente tre camper che tolgono ulteriore visibilità e spazio alla sede stradale , oltre che sottrarre la piazzola alla sua naturale destinazione di “belvedere” . È mai possibile che nessuno intervenga ?

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito