Gold Metal Fusion
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Montecorice: Tar dice “no” ad un nuovo complesso edilizio lungo la fascia costiera

Comune 'vince' la sua battaglia legale

MONTECORICE. Il Tar Campania ha respinto quattro ricorsi della Fratelli Ruggiero S.R.L. contro il Comune di Montecorice. Una vicenda intricata quella su cui i giudici amministrativi si sono pronunciati, relativa alla realizzazione di alcuni edifici nei pressi della fascia costiera di Agnone. La ditta è stata anche condannata al pagamento delle spese per cinquemila euro.

La vicenda ha avuto inizio nel 2010 quando a guidare l’amministrazione comunale di Montecorice vi era il sindaco Flavio Meola. In quell’anno la Fratelli Ruggiero S.R.L. chiese il rilascio dei titoli abitativi occorrenti per realizzare in prossimità della fascia costiera una struttura ricettiva adibita a case e appartamenti per le vacanze.

L’amministrazione comunale rilasciò l’autorizzazione subordinandone l’efficacia alla sottoscrizione della convenzione del Piano Territoriale Paesistico del Cilento Costiero relativa ai progetti convenzionati per attrezzature turistico ricettive. L’oggetto e il contenuto della convenzione erano già stati puntualmente definiti in sede di Conferenza di Servizi: il progetto edilizio, presentato e approvato dal SUAP, infatti, prevedeva la cessione gratuita al Comune di un’area di 1520 metri quadrati da destinare a verde attrezzato, lungo la sponda del torrente Rio Lapis. Un anno dopo, però, la ditta ha “proposto al Comune di Montecorice, su sollecitazione del Sindaco, che l’area destinata alla cessione fosse, in parte, oggetto di monetizzazione, e ha contestualmente richiesto, comunque, di procedere con urgenza alla sottoscrizione della convenzione; tale richiesta è stata, poi, rinnovata e sollecitata, con nota del 20 gennaio 2012”.

E a questo punto che la vicenda si fa complessa. Dal 2012 a palazzo di città c’è una nuova amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pierpaolo Piccirilli; quest’ultimo ha un’altra idea di sviluppo della fascia costiera che non contempla nuovi complessi edilizi. L’Ente, quindi, non procederà alla stipula della convenzione di fatto ritardando e impedendo l’avvio dei lavori. Nascono una serie di procedimenti giudiziari in sede civile e amministrativa da parte della Fratelli Ruggiero, la quale avanza anche richieste di risarcimento danni.

A mettere, per ora, la parola fine sulla vicenda, è stato il Tar che ha respinto i quattro ricorsi della ditta relativi all’annullamento di atti del Comune. Esulta l’amministrazione comunale: “Vittoria secca per il Comune su tutti e 4 i giudizi riuniti, con condanna alle spese di 5000 € – commenta il vicesindaco Pasquale Tarallo – Abbiamo sempre sostenuto questa tesi”.

Soddisfazione anche da parte dell’ex presidente del Parco ed ex amministratore del Comune di Montecorice Giuseppe Tarallo: “speculazione ancora sconfitta al Tardi Salerno – dice – L’Amministrazione Piccirilli ha bloccato l’ennesimo insediamento edilizio tramite il solito ‘progetto convenzionato’ approvato dalla precedente amministrazione Meola che questi tipi di investimento edilizio ha sempre incoraggiato e perfino sollecitato come strumenti di ‘sviluppo’ in un comune già saturo di seconde,terze,quarte case che finora hanno impedito un turismo sostenibile e di qualità”.

Tags

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito