Tolomeo
CilentoIn Primo PianoPolitica

Agropoli: vertice Alfieri – Coppola. Ex sindaco chiede una svolta

Questa sera si riunisce il Pd

Stasera si riunisce il Pd di Agropoli. Un faccia a faccia tra iscritti e amministratori che servirà per fare il punto sulla situazione che si sta vivendo in città. Il malcontento generale cresce, i cittadini non vedono di buon occhio l’amministrazione comunale e l’ex sindaco Franco Alfieri (per il quale molti invocano il ritorno) vorrebbe che venga data una sterzata che consenta di restituire dignità ad una città che molti giudicano mal gestita, con una squadra di governo assente anche nelle attività ordinarie.

In realtà il vero vertice chiarificatore si è avuto ieri sera quando il sindaco in carica Adamo Coppola ha incontrato Franco Alfieri, dopo mesi di freddezza. Un appuntamento riservato, tenutosi presso lo studio di quest’ultimo nel centralissimo corso Garibaldi.

Il capostaff del Governatore De Luca ha chiesto un repentino cambiamento della situazione, una maggiore attenzione alla manutenzione della città e l’utilizzo del pugno duro. Ma non solo: Alfieri avrebbe espresso perplessità anche sul funzionamento della macchina amministrativa e sulla giunta comunale. Oggi, nel corso della riunione del Pd, potrebbero essere tirate le somme di questo primo anno di amministrazione e richiamati i componenti all’unità, cosa che si è persa negli ultimi tempi.

Ciò sarebbe emerso in maniera palese anche nel corso di una riunione dei consiglieri Pd tenutasi nei giorni scorsi, durante la quale un esponente della maggioranza ha mosso dure critiche in particolare sulla gestione della delega alla manutenzione gestita dall’assessore Eugenio Benevento; quest’ultimo sarebbe addirittura pronto ad un passo indietro. Non è escluso che nelle prossime settimane Coppola possa immaginare un rimpasto di giunta. I cittadini auspicano un cambiamento, una maggiore cura della città, più comunicazione relativamente alle iniziative intraprese ed ai disagi che si vivono. Che l’aria sia tesa lo si percepisce apertamente, anche attraverso la comunicazione ufficiale, talvolta scaduta in polemiche con la stampa e critiche rivolte anche in pubblica piazza; una condizione che rischia di determinare un ulteriore isolamento.

Per ora, ciò che è certo, è che non ci sarà un ritorno di Franco Alfieri a palazzo di città. L’ex sindaco è concentrato sulle prossime elezioni regionali (in programma nel 2020) e tornare a ricoprire l’incarico di primo cittadino sarebbe un passo indietro nella sua carriera politica. Potrebbe comunque farlo in qualsiasi momento: l’articolo 51 del D.Lgs. 267/2000, infatti, dispone che “chi ha ricoperto per due mandati consecutivi la carica di sindaco e di presidente della provincia non è, allo scadere del secondo mandato, immediatamente rieleggibile alle medesime cariche”. La norma, però, non configura un tempo di ineleggibilità, pertanto la giurisprudenza ritiene che “per le elezioni diverse da quelle immediatamente successive alla scadenza del mandato, non operi più alcuna limitazione”.

Tags

8 commenti

  1. Siamo sicuri che gli agropolesi voterebbero anchora Alfieri?
    L’amministrazione guidata da Coppola non è tanto peggio di quella Alfieri. Anzi il povero Coppola ha casse vuote ed il merito in parte è anche suo come del predecessore del quale ne era assessore al bilancio.
    Che Dio salvi la regina e gli agropolesi salvino se stessi……… anche se all’orizzonte si prospetta un declino della giunta Coppola così come accadde al sindaco Domini.
    Alla finestra, radio Corso mi dice che è possbile un ascesa della dott.ssa Serra che è ben voluta da tutti.

  2. La Fornace è lasciata al proprio destino;
    Via San Francesco è in una condizione pietosa, ancora ad una corsia, con ringhiere divelte, lampioni storti, erbacce e rifiuti;
    Il Porto si presenta male, con le alghe accumulate, un sistema per gli oli esausti che non è mai stato utilizzato (abbandonato da anni), con le colonnine per l’acqua e l’energia elettrica non sottoposte ad una normale manutenzione;
    Il centro cittadino non è controllato a dovere, le risse degli ultimi tempi sono un esempio dell’incuria per una zona del paese che dovrebbe essere il fiore all’occhiello;
    Piazza della Mercanzia è diventata proprietà privata dei locali che vi si affacciano, con la musica da discoteca sino alle 3.00 del mattino e non solo;
    Cavolo!!!! Com’è possibile che nessuna faccia nulla? L’assessore Benevento vuole fare un passo indietro? Ne faccia più di uno, e con lui…anche gli altri amministratori facessero dei passi indietro, oltre ad un bagno di umiltà.

  3. Mi fa schifo che, da vero Agropolese,devo vedere queste cose,daltronde i leccaculo e i cornuti ,e le tante zoccole, sono sempre in prima fila quando c’è da guadagnare qualche favore essendo disposti a qualsiasi cosa.
    Comunque è questo che piace a sti stronzi,visto che il 74 % nelle scorse elezioni amministrative del 2017, a parte i brogli che sicuramente ci sono stati e che purtroppo non è facile avere le prove altrimenti parecchi di questi signori ,starebbero al fresco assieme ai loro scagnozz dipendenti… ,invece di avere ancora la faccia da stronzi di parlare-Ma vedo ,purtroppo che ancora c’è tanta gente,che li asseconda.-

  4. sono solo e sempre strategie per accaparrarsi la torta
    ma è ora che questi personaggi se vadano a FNKL

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito