Gold Metal Fusion
AttualitàCilento
Trending

Agropoli, Palazzo Civico delle Arti: nuovo esposto

Dubbi sul personale e sulla sicurezza

AGROPOLI. Nuovo esposto relativo alla gestione dei beni culturali in città. Dopo il castello, a finire sotto i riflettori è il Palazzo Civico delle arti di Agropoli. Giuseppina Farro e Rossella Cavallo, in passato attive in cooperative selezionate dal Comune per attività di promozione turistica e accoglienza nei luoghi culturali della città, hanno presentato una richiesta di chiarimenti sul museo sito presso l’ex pretura, segnalando diverse criticità anche a carabinieri e guardia di finanza.

A finire sotto accusa è la gestione della struttura. Il servizio di accoglienza era stato svolto dalla cooperativa Le Muse il cui contratto è scaduto lo scorso 22 aprile. Eppure, in seguito ad un sopralluogo, si è riscontrato come “tre persone, socie/lavoratrici della suddetta cooperativa, si occupino, a tutt’oggi, dell’apertura, chiusura e accoglienza nel museo”, si legge nella nota. Ma i problemi non finiscono qui: si evidenzia anche come i locali di quella che doveva essere una mostra archeologica temporanea, siano chiusi soltanto con lucchetto e catena e che “il sistema di allarme non è funzionante”.

Da qui si aprono una serie di interrogativi: se “esistono contratti, accordi, determine, delibere, etc che autorizzino la presenza del personale della Cooperativa Muse presso il “museo” con motivazioni, in quanto più volte abbiamo provveduto a segnalare a codesto Ente la “mala gestio” sociale, umana e professionale della cooperativa, che in tre anni non ha realizzato alcuna attività prevista nel progetto presentato in fase di gara oltre ad abusare del servizio di accoglienza in luoghi pubblici”.

Tags

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito