Terme Cappetta
Cronaca

Agropoli, “scuola fatiscente”: genitori chiedono interventi

Timore per possibili crolli di parti di intonaco

AGROPOLI. C’è preoccupazione per lo stato in cui versano i plessi scolastici comunali. In particolare l’attenzione è puntata sulla scuola media “Rossi Vairo”. Da tempo alcuni genitori segnalano la presenza di crepe e parti di intonaco pericolanti sulle facciate esterne dell’edificio senza avere però alcun riscontro da parte delle autorità comunali.  Di qui la decisione di scrivere al dirigente scolastico, al sindaco di Agropoli e alla Protezione Civile al fine di chiedere conto dello stato in cui si trova la struttura.

“Quotidianamente cade sotto gli occhi lo stato fatiscente esterno dell’aula magna e della palestra”, si legge nella missiva. “Anche ad occhi inesperti – fanno presente i genitori – l’intonaco è palesemente permeabile all’acqua meteorica, con conseguente induzione di fenomeni di imbiancamento e distacco improvviso del medesimo, peraltro già avvenuto”.

C’è timore che in futuro possano registrarsi fenomeni ben più gravi e soprattutto che vi siano conseguenze per gli alunni. Di qui la richiesta alle istituzioni di chiarire le condizioni in cui versano gli edifici, “se siano stati effettuati sopralluoghi e se vi siano effettivamente problemi e di quale entità”.

Non è la prima volta che dei genitori chiedono chiarimenti sullo stato delle scuole del territorio. Nel dicembre scorso malumori emersero per le condizioni della scuola elementare “Gino Landolfi”.

Tags

8 commenti

  1. Non è l’intonaco esterno a dover destare preoccupazione, ma piuttosto, i genitori, si sono sincerati sulla stabilità strutturale?
    Magari evitando spese futili, qual è quella dei progetti scolastici (che sovente richiedono sponsorizzazioni personali dell’alunno) ed ingaggiando un serio C.T.P. che sinceri la reale salubrità dell’immobile.
    Altrimenti solo altre parole…
    P.s. il tecnico non sceglierlo Campano!!!

  2. Definirle fatiscenti è un complimento, erano già vecchie quando frequentavo io, trent’anni fa, figurati adesso. Sottoscrivo in toto il commento di Emiliana Di Marco.

  3. Le scuole sono tutte fatiscenti, si mormora in giro che nessuna scuola ha l’agibilità e criteri antisismici (Certificato antisismico)
    Andrebbero tutte chiuse in quanto sono molto pericolose, si aspetta il peggio?
    Poi vogliono i bambini vaccinati, le scuole cadono a pezzi, mi chiedo se davvero ci tengono all’incolumità dei bambini.
    Loro mi chiedono il certificato vaccinale per i miei figli, io gli chiedo tramite procura della Repubblica il certificato antisismico vediamo che succede! ve lo dico io : le scuole chiudono, organizziamoci con scuole private.

  4. EDILIZIA SCOLASTICA
    L’edilizia scolastica è una componente fondamentale del rischio sismico in Italia. Buona parte degli istituti scolastici risultano carenti sismicamente con grave pericolo per l’incolumità del bene più prezioso per una famiglia, ovvero i figli. La politica, cosciente del pericolo, ha avviato in questi ultimi tempi una serie di iniziative e stanziato fondi per la messa in sicurezza delle scuole. Gli edifici scolastici devono possedere per legge il “Certificato di rispondenza allanormativa antisismica” (ai sensi dell’art. 28 L. 64/1974 e di eventuali leggi regionali), tale certificato deve essere allegato al “Documento di valutazione dei rischi” che viene predisposto in ogni istituto scolastico ad opera del Dirigente Scolastico (D.lgs 81/08).
    Se la scuola non possiede tale certificato deve richiederlo all’ente proprietario, ovvero al Comune nel caso di scuole fino al 1° grado, oppure alla Provincia per le scuole superiori. E’ lo stesso ente proprietario che deve provvedere agli eventuali interventi di adeguamento sismico e, se questo non interviene, è compito del dirigente scolastico anticipare il costo dei lavori o sospendere le attività.

    1. La legge parla chiaro cosa stiamo aspettando? Invito gli organi competenti ad attivarsi Grazie mille

  5. Non sono un tecnico, ma a vederla così sembra che stia per cadere da un momento all’altro. Cittadino ha ragione, che vengano effettuate le opportune verifiche da parte degli organi competenti, non aspettiamo che si verifichi l’ennesima tragedia annunciata. Grazie.

  6. purtroppo c’è lentezza non se se burocratica o altro. l’importante è che sia stata protocollata la missiva.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito