Majestic
CilentoIn Primo PianoPolitica

Camerota: in atto una soap opera social tra maggioranza e Saggiomo

Nuova puntata della polemica

Nuova puntata social della “soap opera” in atto tra l’ex presidente de “La Calanca Srl” Giancarlo Saggiomo, e il gruppo di maggioranza Terradamare guidato dal sindaco Mario Scarpitta. A suon di colpi di carte, documenti, fatture, manifesti, ‘Papocchi’, ‘Papocchio di Pinocchio’, minacce di querele, citazioni di poeti e scrittori, ogni giorno la trama si infittisce sempre più e la querelle non trova un atto conclusivo. Tra il serio e il faceto, la popolazione di Camerota inizia ad interrogarsi su chi abbia ragione o meno e su chi stia recitando il ruolo di ‘giullare’ cercando di far ridere su argomenti, invece molto delicati e seri. Dopo la risposta piccata da parte della maggioranza, in data 26 gennaio, Saggiomo sul suo profilo social ha pubblicato 4 foto e postato il seguente testo dal titolo: “Il Papocchio continua” !!!

“In seguito al Manifesto diffamatorio da parte di Terradamare, è mio dovere chiarire l’intera vicenda.
Oggi se devo pagare pegno per aver aiutato e contribuito a saldare fatture in nome e per conto del Comune dove vivo e che amo, mi assumo la responsabilità di tutto quello che ho fatto. Ma di fronte alla esigenze di garantire i servizi essenziali per la vita della comunità, come ambienti salubri nelle scuole facendo la disinfestazione, gli espurghi nelle vasche in zona Calanca e zona Porto durante il periodo estivo, il Parco Giochi per i bambini a Lentiscosa e a Marina e tanto altro ancora…non sono riuscito a sottrarmi a queste emergenze, visto lo stato di difficoltà dell’ente, ma sopratutto perchè mi veniva richiesto dal Sindaco dott. Antonio Romano, congiuntamente ai funzionari del comune. Se queste sono le colpe che mi volete attribuire, me le prendo TUTTE… ( Voglio ricordare che tali pagamenti fatti in nome e per conto del Comune, sono tracciabili con assegni e fatture), così come richiesto dai soci di minoranza nell’assemblea di approvazione del bilancio 2016 sul riconoscimento dei crediti/debiti tra la società e il comune che ammontano a oltre 100 Mila euro. Voglio ricordare a Wanna Marchi che la stessa società da me gestita in quegli anni, ha provveduto al pagamento del noleggio della spazzatrice e del conducente per circa 8 mila euro….. commissionata e non pagata dal sig. Mario Salvatore Scarpitta nel 2011 quando era assessore…. Neanche questo ti RICORDI??
A distanza di 8 mesi dall’insediamento ancora non siete riusciti ( o non avete voluto) ricostruire tutti gli atti relativi alla Calanca srl cosi come nella televendita fatta in piazza San Domenico nel mese di Novembre, avete prima dichiarato di aver incrementato gli incassi della società del 40%, e sul manifesto avete dichiarato che l’incremento è del 20%, cioè la metà. A cosa dobbiamo credere???? state facendo il gioco delle tre carte……. Sono disposto ad un confronto pubblico con il Sindaco e la sua amministrazione per ulteriori chiarimenti….
Come mai si fa tanto rumore per la Calanca srl che alla prova dei fatti non è indebitata così come falsamente volete far capire, invece non dite una parola della società che gestisce i pontili che a vostro dire ha un debito di 750 Mila Euro? Forse perchè non ero io il Presidente….Di tutti questi Papocchi ve ne assumerete tutta la responsabilità. Anche perchè la vostra incapacità amministrativa sicuramente ci porterà al Dissesto Finanziario – conclude Saggiomo -“. Attendendo la risposta del gruppo di maggioranza, diamo appuntamento alla prossima puntata della soap opera, che, forse più di “Beautiful”, sta creando pathos e sta appassionando la gente.
Omar Domingo Manganelli
Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it