Pegaso Agropoli
domenica, Settembre 19, 2021
HomeLocalitàAlburniNuovo piano ospedaliero, ecco tutti i dettagli. Solo Agropoli nuovamente beffata

Nuovo piano ospedaliero, ecco tutti i dettagli. Solo Agropoli nuovamente beffata

Roccadaspide guadagna 30 posti letto rispetto al piano precedente

“Riequilibrare il rapporto tra assistenza ospedaliera e territoriale”. Questo il proposito del nuovo piano ospedaliero della Campania che è stato approvato nei giorni scorsi e che già fa discutere.

Il documento, di circa 150 pagine, conferma gran parte delle precedenti disposizioni. Il comprensorio del Cilento e Vallo di Diano sorride per la conferma dei servizi a Vallo della Lucania, Polla e Sapri, esulta per il mancato depotenziamento di Roccadaspide, ma piange per Agropoli; la cittadinanza viene nuovamente beffata: nessun miglioramento rispetto alla situazione attuale nonostante le promesse ed ora che il piano è stato approvato difficilmente qualcosa cambierà.

Nel complesso, comunque, la Provincia di Salerno registrerà un aumento dei posti letto che, stando a quanto previsto da palazzo Santa Lucia “permetterà una migliore equità di accesso alle cure sui vari bacini di popolazione e costituirà uno strumento di contrasto alla mobilità regionale”.

Vediamo nel dettaglio le previsioni del nuovo piano ospedaliero.

Nuova classificazione degli ospedali pubblici

Definita una nuova classificazione degli ospedali pubblici, suddivisi in tre tipologie:

a. Presidi ospedalieri di base, con bacino di utenza compreso tra 80.000 e 150.000 abitanti, salvo le deroghe previste nella rete di emergenza urgenza, dotati di sede di Pronto Soccorso con la presenza di un numero limitato di specialità ad ampia diffusione territoriale: Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia, Rianimazione e servizi di supporto in rete di guardia attiva e/o in regime di pronta disponibilità H24 di Radiologia, Laboratorio, Emoteca, nonché di letti di “Osservazione Breve Intensiva”;

b. Presidi ospedalieri di I livello, con bacino di utenza compreso tra 150.000 e 300.000 abitanti, sede di DEA di I livello dotati delle seguenti specialità: Medicina Interna, Chirurgia Generale, Anestesia e Rianimazione, Ortopedia e Traumatologia, Ostetricia e Ginecologia (se prevista per n. di parti/anno), Pediatria, Cardiologia con U.T.I.C., Neurologia, Psichiatria, Oncologia, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Urologia, con servizio di guardia attiva e/o di reperibilità oppure in rete per le patologie che la prevedono. E’ prevista la presenza attiva o disponibilità in rete H24 dei Servizi di Radiologia almeno con T.A.C. ed Ecografia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale. Per le patologie complesse (quali i traumi, quelle cardiovascolari, lo stroke) sono previste forme di consultazione, di trasferimento delle immagini e protocolli concordati di trasferimento dei pazienti presso i Centri di II livello. Sono dotati, inoltre, di letti di “Osservazione Breve Intensiva” e di letti per la Terapia Subintensiva (anche a carattere multidisciplinare);

c. Presidi ospedalieri di II livello, con bacino di utenza compreso tra 600.000 e 1.200.000 abitanti, sedi di DEA di II livello, dotati di tutte le strutture previste per l’Ospedale di I livello, nonché di strutture che attengono alle discipline più complesse non previste nell’Ospedale di I livello (Cardiologia con emodinamica interventistica H24, Neurochirurgia, Cardiochirurgia e terapia intensiva cardiochirurgica, Chirurgia Vascolare, Chirurgia Toracica, Chirurgia Maxillo-facciale, Chirurgia plastica, Endoscopia digestiva ad elevata complessità, Broncoscopia interventistica, Rianimazione pediatrica e neonatale, Medicina Nucleare e altre eventuali discipline di alta specialità). E’ prevista la presenza H24 dei Servizi di Radiologia con almeno T.A.C ed Ecografia (con presenza medica), Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale.

Ognuno di questi presidi potrà essere costituito da uno o più stabilimenti, accorpati secondo un criterio di efficienza e di complementarietà di discipline, dotati o meno di Pronto Soccorso, in relazione ai bacini di utenza serviti.

Le previsioni per la Provincia di Salerno

Per quanto riguarda l’area della provincia di Salerno sono previsti 3.807 posti letto pari a 3,52 posti letto per mille abitanti, in leggero incremento rispetto a quelli esistenti che sono pari a 3.553.

Nella città di Salerno, insiste l’ospedale di riferimento dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi d’Aragona, costituita dai presidi ospedalieri funzionalmente accorpati di:
– “S. Leonardo” di Salerno;
– “Fucito” di Mercato S. Severino;
– “Da Procida” di Salerno;
– “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” di Cava dei Tirreni (la precedente programmazione aveva previsto per Cava dei Tirreni il trasferimento delle funzioni all’A.O., di contro la proprietà del presidio sarebbe rimasta alla ASL. Il presente piano trasferisce completamente il presidio ospedaliero all’AOU Ruggi)
– “Italia Giordano” di Castiglione di Ravello.

Data la vastità e variabilità del territorio s’individuano 3 DEA di I° livello geograficamente presso:

VALLO DELLA LUCANIA

– il Presidio Ospedaliero di Vallo della Lucania al servizio della vasta area sud della provincia, punto spoke nella rete dell’Ictus, hub di I° livello nella rete cardiologica, spoke II rete emergenze pediatriche, oltre che CTZ nella rete traumatologica, spoke emergenze gastroenteriche, spoke nella rete del dolore. Vengono attribuite le discipline di Neurologia e Gastroenterologia, Neonatologia, Psichiatria, Riabilitazione, con annesso presidio di Agropoli

AGROPOLI

– Il presidio ospedaliero  di Agropoli vista la collocazione in zona turistica e difficilmente raggiungibile necessita di un potenziamento quale struttura in deroga con 20 posti letto di Medicina; ospiterà un centro diurno diurno territoriale per i disturbi del comportamento alimentare.

NOCERA INFERIORE

– Il Presidio Ospedaliero di Nocera Inferiore all’area nord: spoke nella rete dell’ictus, hub di I° livello nella rete cardiologica, oltre che CTZ nella rete traumatologica, spoke II rete emergenze pediatriche, spoke nella rete delle emergenze digestive; riceve un potenziamento globale delle discipline esistenti. I posti letto di Terapia Intensiva ricomprendono anche quelli di terapia Intensiva post-operatoria.
Al DEA di I livello di Nocera Inferiore vengono annessi gli stabilimenti di:
– P.O. Pagani: configurato quale presidio ospedaliero senza pronto soccorso, rappresenta il polo oncologico dell’ASL di Salerno, si caratterizza per la presenza di posti letto di ematologia, oncologia, chirurgia generale ad indirizzo oncologico, dermatologia ad indirizzo oncologico e connessa attività di foto-dermatologia e rianimazione. L’attività di onco-ematologia pediatrica continuerà ad essere erogata dalla U.O. di pediatria del P.O. Umberto I di Nocera sino all’attivazione di tale attività nello stabilimento di Pagani. E’ previsto, nel P.O. di Pagani, un servizio di cardiologia. E’ infine, programmata l’attività di radioterapia. Spoke I livello nella rete terapia del dolore.
– P.O. Scafati è configurato quale presidio ospedaliero con Pronto Soccorso ad indirizzo pneumologico corredato dei servizi diagnostici finalizzati alla attività di bronco-pneumologia. È previsto nel P.O. un Servizio di Cardiologia.

EBOLI/ BATTIPAGLIA / ROCCADASPIDE

– Il DEA Eboli/Battipaglia/Roccadaspide: l’attuale programmazione individua un nuovo DEA di I Livello attraverso l’integrazione funzionale di 3 presidi Eboli, Battipaglia e di Roccadaspide che conservano le funzioni di Pronto Soccorso, al servizio di un’ampia popolazione. Il presidio di Eboli, orientato all’area cardiologica, dotato di emodinamica, è hub di I° livello nella rete cardiologica, Battipaglia, orientato all’area materno-infanitle, è sede di pronto soccorso. Viene annesso al DEA di Eboli/Battipaglia, anche il presidio di Roccadaspide.
– Il P.O. di Battipaglia: riveste il ruolo di PST nella rete Trauma; viene potenziato il punto nascita; è spoke I nella rete pediatrica. E’ programmato un servizio di cardiologia senza posti letto.
– Il P.O. Eboli: è hub di I° livello nella rete cardiologica, PST nella rete Trauma. E’ programmato un Servizio di Pneumologia diagnostica ed interventistica senza posti letto.
– PO di Roccadaspide, con chirurgia generale, medicina generale, ortopedie e lungodegenza.

I pronto soccorso

– Il P.O. di Oliveto Citra è confermato quale ospedale con pronto soccorso tenuto conto del numero di circa 15.000 accessi nel 2015. Riceve la disciplina di Riabilitazione (cod. 56). E’ PST rete traumatologica. E’ spoke II livello per terapia del dolore rispetto all’Hub Azienda Dei Colli. Ospita la psichiatria in DH gestito dal dipartimento di Salute Mentale.
La rete dei Pronto Soccorso deve poter coprire il territorio garantendo l’accesso nei tempi previsti. Sono, inoltre, configurati come pronto soccorso e spoke nelle reti i seguenti presidi ospedalieri, con posti letto in potenziamento rispetto alle discipline minime:
– il P.O. di Sarno: spoke nella rete cardiologica, PST rete Trauma, avendone già la configurazione, spoke I rete emergenze pediatriche
– il P.O. di Polla: conferma il suo ruolo di presidio di pronto soccorso della rete dell’emergenza ed è identificato quale spoke nella rete per l’Ictus cerebrale e spoke per l’emergenza cardiologica, nonché PST nella rete Trauma e spoke I emergenze pediatriche. È programmato un Servizio di Oncologia in regime ambulatoriale. Il plesso di S. Arsenio diventa struttura territoriale ed ospita un Ospedale di Comunità e l’UCCP.
– il P.O. di Sapri: sede di pronto soccorso, costituisce spoke nella rete cardiologica, PST rete Trauma, spoke I emergenze pediatriche.
– il P.O. di Mercato S. Severino e il P.O. di Cava dei Tirreni (facenti parte della AOU Ruggi) permangono come sede di pronto soccorso collegati al DEA del Ruggi, facendo fronte a ca. 155.000 accessi annui complessivamente.

I pronto soccorso in deroga

Si individuano inoltre le seguenti Strutture di accesso in deroga per le quali dovranno, comunque, essere previste specifiche modalità e percorsi atti a garantire i trasferimenti in emergenza-urgenza, non gestibili in loco: Il P.O. di Castiglione di Ravello, annesso all’AOU Ruggi di Salerno con 20 posti letto; il già citato presidio di Agropoli

Complessivamente, quindi, il sistema ospedaliero nella provincia di Salerno offre 11 punti di accesso alla rete emergenza urgenza così articolati:
– 1 DEA di II° livello;
– 3 DEA di I° livello,
– 7 Pronto Soccorso a cui si aggiungono le Strutture in deroga (P.O. Agropoli, P.O. Castiglione di Ravello).

La situazione in sintesi

Riassumendo, dunque, il Ruggi è Dea di II livello, Nocera Inferiore, Eboli, Battipaglia, Roccadaspide e Vallo della Lucania De di I Livello. Son Pronto Soccorso Oliveto Citra, Scafati, Polla, Sapri, Mercato San Severino e Cava de Tirreni; pronto soccorso di zona disagiata Agropoli e Castiglione di Ravello. Infine postazioni territoriali medicalizzate sono, nel Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Buccino, Serre, Piaggine, Bellosguardo, Capaccio, Roccadaspide, Agropoli, Castellabate, Ascea, Gioi, Vallo della Lucania, Montano Antilia, Palinuro, Casaletto Spartano, Sapri, padula, Teggiano, Sanza, Sala Consilina, Polla.

I posti letto

Roccadaspide: 10 chirurgia generale, 15 medicina generale, 5 ortopedia e traumatologia, 20 lungodegenza e riabilitazione (totale 50)

– Vallo della Lucania: 14 cardiologia, 25 chirurgia generale, 10 chirurgia vascolare, 15 malattie infettive e tropicali, 30 medicina generale, 16 neurochirugia, 14 neurologia, 10 oculistica, 32 ortopedia e traumatologia, 16 ostetricia e ginecologia, 10 otorinolaringoiatra, pediatria 14, psichiatria 18, 14 urologia, 8 terapia intensiva, 8 unità coronarica, 8 medicina e chirurgia, 12 gastroenterologia, 6 neonatologia, 10 oncologia, 36 lungodegenza, 20 recupero e riabilitazione (totale 326)

– Polla/Sant’Aesenio: 12 cardiologia, 14 chirurgia generale, 14 geriatria, 20 medicina generale, 6 nefrologia, 14 neurologia, 6 oculistica, 18 ortopedia e traumatologia, 16 ostetricia e ginecologia, 6 orotinolaringoiatra, 10 pediatria, 4 psichiatria, 8 urologia, 8 terapia intensiva, 6 unità coronarica, 4 gastroenterologia, 8 oncoematologia, 25 recupero e riabilitazione (totale 203)

– Sapri: 10 cardiologia, 14 chirurgia generale, 20 medicina generale, 18 ortopedia e traumatologia, 14 ostetricia e ginecologia, 8 pediatria, 4 terapia intensiva, 6 unità coronarica, 20 lungodegenza (totale 114)

– Agropoli: 20 medicina generale

Le cliniche private

Per integrare a pieno il settore privato nella rete ospedaliera pubblica, prevalentemente nelle reti tempo dipendenti, il piano prevede che alcune strutture, sussistendone le condizioni, sono individuate come nodi essenziali nella rete di emergenza urgenza e inserite in alcuni casi anche nelle reti tempo dipendenti. Nel Cilento le strutture private accreditate sono la ex Malzoni di Agropoli (102 posti letto) e la clinica Cobellis di Vallo della Lucania (99 posti letto)

Punti parto

Ulteriore buona notizia per la Provincia nella provincia di Salerno è prevista la deroga per il mantenimento dei punti parto di Sapri (296 parti nel 2016), Vallo della Lucania (263 parti nel 2016) e Polla (345 parti nel 2016), per le difficoltà oggettive di collegamento che offrono tempi di percorrenza molto lunghi.

Gli interventi di edilizia sanitaria

Le strutture ospedaliere necessitano di interventi di edilizia sanitaria. In particolare sono già programmati:
– la ristrutturazione e messa a norma del Blocco Operatorio, dell’AOU Ruggi di Salerno e il miglioramento dei flussi di accesso ospedalieri;
– interventi per la messa a norma dei PP.OO. di Oliveto Citra, Vallo della Lucania, Nocera Inferiore, Battipaglia e Eboli;
– il potenziamento dell’offerta territoriale, con la realizzazione di un Ospedale di Comunità nel presidio di Roccadaspide.

Il 118

Confermata, infine, una centrale operativa del 118 unica a Salerno con soppressione di quella di Vallo della Lucania. Previsti, inoltre, punti per l’atterraggio dell’eliambulanza ad Agropoli, Capaccio Paestum, Polla, Roccadaspide, Sapri, Vallo della Lucania.

Ernesto Rocco
Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

5 Commenti

  1. i nostri politici sono bravi solo a raccogliere voti
    ma per il nostro ospedale nessuno ha voluto impegnarsi

  2. E votateli di nuovo,hanno fatto veramente di tutto per far REGREDIRE Agropoli e il circondario,ora aspettiamo l’autostrada per eboli.PAGLIACCI

  3. Mi appello ai giovani ,non fate come i vostri padri e nonni che hanno sempre piegato la schiena.Ribellatevi a questa emnesima ingiustizia fatelo per voi ed i vostri figli

  4. COMPLIMENTI ANCORA UNA VOLTA AVETE DIMOSTRATO DI FARE SOLO I C…I VOSTRI CIOE’ ARRIVARE IN ALTO E NON AVER CURA DEL VOSTRO PAESE. L’OSPEDALE NON H MAI FUNZIONATO PERCHE’ E’ STATO UN GIOCO POLITICO. APRITELO COME SI DEVE CON PERSONALE VALIDO E POI VEDRETE I RISULTATI, ALTRO CHE DIFFICILMENTE IRRAGGIUNGIBILE.

Commenti chiusi

Membership