Velia: nei pressi dell’acropoli tornerà una cappella dedicata al culto Mariano

Via libera del Comune al progetto

Un luogo di preghiera, ricco di storia e tradizione, sta per essere ricostruito: un punto di riferimento per tutti i fedeli legati al culto di Maria SS. Ausiliatrice.

Finalmente, a Velia, si interverrà per realizzare una nuova cappella che, sin dal Medioevo, ha attratto i devoti di tutta la zona che vi si recavano in pellegrinaggio per professare una fede profonda e incrollabile.

Il vecchio edificio esistente nell’area archeologica, da diversi anni, è sconsacrato ed è parte del patrimonio della Soprintendenza Archeologica di Salerno; ancora oggi, in occasione della festa Mariana del 24 maggio, i fedeli di Ascea e delle zone circostanti si recano in processione presso l’acropoli, nonostante non vi sia più un effettivo luogo di culto.

E’ chiaro, quindi, quanto la devozione verso Maria Ausiliatrice sia  ancora vivo e radicato nel cuore di tutti, e a dimostrazione di ciò, da diversi anni, la comunità si è attivata per cercare di ricostruire, nella zona, la cappella dedicata alla Madonna. Nel giugno del 2016, le tante iniziative da parte di fedeli e semplici cittadini hanno portato alla costituzione dell’“Associazione Parrocchiale Pro- Cappella Maria SS. Ausiliatrice”, nata con lo scopo di raccogliere fondi per portare a termine il progetto.

Nello stesso anno, si è avviato un procedimento amministrativo per la realizzazione, su suolo pubblico, della tanto agognata cappella; l’Amministrazione Comunale, dal canto suo, nelle scorse settimane ha confermato piena disponibilità alla realizzazione del progetto che rientrerà in una più ampia opera di riqualificazione dell’area di via Mario Napoli, dove insiste l’infopoint. Oltre la Cappella sarà realizzato un locale annesso in cui realizzare servizi di accoglienza, attività culturali, sociali e formative.

 

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Antonella Capozzoli

Si laurea nel 2013 in Lettere Moderne e nel 2016 consegue la specialistica in Filologia Moderna col massimo dei voti. Collabora all'organizzazione del Convegno Internazionale Boccaccio Angioino ( 2013) presso l'Università degli studi di Salerno. Pubblica il saggio " Il Decameron, la Fortuna e i mercatanti della seconda giornata" sulla rivista semestrale di letteratura e cultura varia " Misure critiche" ( 2014).