Sapri, riparte il corso per nuovi arbitri di calcio

E’ possibile iscriversi al corso entro il 31 ottobre 2017

La sezione AIA di Sapri, organizza, come ogni anno, un corso, totalmente gratuito, per diventare arbitro di calcio; ci si potrà iscrivere fino al 31 ottobre 2017. Al corso potranno partecipare tutti i ragazzi e ragazze di età non inferiore ai 15 anni e non superiore ai 35 anni anni; al termine, il candidato dovrà sostenere una prova d’ammissione all’esame, prova che prevede quiz sul regolamento scritto e un test di idoneità atletica.

Al superamento dell’esame si ufficialmente un arbitro di calcio e, dalle domeniche successive, si inizierà ad arbitrare nella prima categoria dell’arbitraggio, i Giovanissimi. Ogni arbitro di calcio, possiede una tessera federale, che permette l’ingresso gratuito in tutti gli stadi d’Italia, e ad ogni partita arbitrata, verrà corrisposto un rimborso spese in denaro; inoltre, ad ogni futuro direttore di gara sarà consegnata la divisa ufficiale da arbitro AIA-FIGC-Diadora 2017. Il corso concorre anche alla determinazione del credito formativo scolastico, essendo organizzato col patrocinio del Ministero dell’Istruzione, ai fini del punteggio finale dell’esame di Stato. In più ci sarà la possibilità di allenarsi sotto la guida di un preparatore atletico al polo di allenamento della sezione.

All’arbitro, quindi, spetta la decisione finale  su ogni singolo fallo e contatto; una vera e propria sfida che ti aiuta a crescere e a consolidare la sicurezza in se stessi , dovendo prendere e difendere delle decisioni difficili in una frazione di secondo. Una passione, che, se coltivata può darti grandi soddisfazioni, perfino dirigere gare importanti nei massimi campionati nazionali.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti, potete contattare la sezione di Sapri  via email, sapri@aia-figc.it, oppure attraverso la pagina facebook, Sezione AIA Sapri, cliccando sul pulsante invia un messaggio, o telefonicamente, allo 0973 603541 o al 348 9603832-338 7514489.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE