Capaccio Paestum: tutti in bici per rilanciare la proposta di realizzare percorsi ciclo-pedonali

L’iniziativa è organizzata da Legambiente: si parte da Paestum e si arriva a Capaccio Scalo

Sabato 7 Ottobre, alle 10, nell’area Archeologica di Paestum prenderà il via il CicloIncontro organizzato da Legambiente.

L’iniziativa fa parte del macro progetto ” Pianta, Pedala, Suona” a sostegno dell ’inclusione sociale delle comunità migranti presenti nei Centri di prima accoglienza nel territorio di Capaccio-Paestum.

Il CicloIncontro  è la tappa ultima di un ampio workshop sulla bicicletta e sulla creazione di una vera ciclofficina per la riparazione e la manutenzione. La bici, infatti, è l’unico mezzo di locomozione delle comunità migranti presenti nei centri di accoglienza, garantisce maggiore autonomia e sicurezza nel faticoso percorso alla ricerca di una nuova dimensione umana, sociale e culturale.

Il programma prevede una lunga pedalata: partendo da Paestum, si passa per il centro di Capaccio Scalo, percorrendo la pista ciclabile, e si attraversa la Laura  verso sud, fino all’Oasi Dunale di Torre di Mare.

” Con la ciclopasseggiata rilanciamo la proposta di realizzare percorsi ciclo-pedonali per la mobilità dolce e sostenibile ”  scrivono gli organizzatori di Legambeinte Paestum. “Il nostro territorio ha tutte le caratteristiche e le potenzialità per divenire bicifriendly. Proponiamo la costruzione di un’opera pubblica utile e accessibile a tutti, per chi abita a Capaccio Paestum e per chi la vive da turista. La rigenerazione urbana passa anche dalla sicurezza di chi usa la bicicletta come mezzo di trasporto garantendo il diritto alla buona mobilità. Andare in bicicletta fa bene alla salute e non inquina.”

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Antonella Capozzoli

Si laurea nel 2013 in Lettere Moderne e nel 2016 consegue la specialistica in Filologia Moderna col massimo dei voti. Collabora all'organizzazione del Convegno Internazionale Boccaccio Angioino ( 2013) presso l'Università degli studi di Salerno. Pubblica il saggio " Il Decameron, la Fortuna e i mercatanti della seconda giornata" sulla rivista semestrale di letteratura e cultura varia " Misure critiche" ( 2014).