Nuova Elite
AttualitàCilentoIn Primo Piano

”Adotta una capra…e il Cilento vive”, un incontro per illustrare come combattere lo spopolamento

L’appuntamento è in programma il prossimo 28 agosto

“Adotta una capra… e il Cilento vive”. Questo il titolo di un convegno in programma il prossimo 28 agosto a San Mauro la Bruca presso piazza Chiesa.

L’appuntamento, organizzato dal comune in collaborazione con l’associazione Giovani Speranza, Adotta una Capra, la proloco e il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, punta ad affrontare con importanti ospiti il tema dello spopolamento del territorio ed al contempo delle possibilità attività che possono essere svolte sul territorio per evitare di dover necessariamente andare via per trovare delle opportunità.

“Abbiamo invitato importanti ospiti per affrontare l’argomento – spiega Francesco Scarabino, sindaco di San Mauro La Bruca – mi auguro di riuscire a dare una svolta, nel caso del nostro comune purtroppo negli ultimi trent’anni è diminuito del 50%, se continuiamo di questo passo molti comuni del Cilento rischieranno di scomparire”.

Dopo i saluti del primo cittadino interverranno Valeria Romanelli, dell’associazione Giovani Speranza, mons. GIuseppe Casale, il prof. Adalgisio Amendola, preside della facoltà di scienze politiche dell’Università di Salerno, Antonia Auturi, della fondazione della Comunità Salernitana Onlus, Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, Sabrina Capozzolo, deputato Pd, Luca Cerretani, vicepresidente della Provincia di Salerno, Corrado Martinangelo, presidente Agrocepi, Mario Notaroberto, imprenditore agricolo e Tommaso Pellegrino, presidente del Parco.

Modera l’incontro Ermanno Corsi, già caporedattore Rai.

Tags

Un commento

  1. Il mio placido all’iinteressante iniziativa, che dovrà avere un seguito altrimenti le future generazioni dovranno subire, come per me e per altri, il calvario dell’esodo dalla propria terra, dagli affetti. Le mie considerazioni rispetto al retroterra storico che ha, in parte, “deciso” il corso della storia dell’Italia, lungi dall’essere una critica agli interessanti argomenti che saranno dibattuti il giorno 28 agosto. Ciò detto, ritengo che San Mauro La Bruca e questa parte del Cilento, abbiano delle potenzialità mai sfruttate anche a causa della condizione di sudditanza risalente ad epoche a noi note. Quanto alle infinte problematiche, anche un intelligente piano di recupero: urbano, di edilizia privata ( prima casa) in parte finanziato dalla regione oltre che usufruitore di sgravi fiscali, darebbero ai borghi un’immagine proiettata verso capacità ricettive oggi latenti. L’assetto della viabilità potrebbe generare interessi da parte degli organizzatori di competizioni ciclistiche anche a livello nazionale, oltre che amatoriali in concomitanza con il periodo feriale. Le potenzialità dell’agricoltura sono a noi note, quindi richiederebbero, come per le altre questioni, atti di coraggio da parte degli Enti preposti.
    Rinnovo gli auguri per la buona riuscita del dibattito e delle sue proposizioni, conscio che sarà necessario suscitare interessi oggi latenti.

Back to top button
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it