Montella PrismArredo
CilentoEventiIn Primo Piano

Casal Velino: una Via Crucis Vivente multietnica, inclusiva e solidale

L’appuntamento è venerdì 14 sabato 15 aprile

Venerdì 14 e sabato 15 aprile, appuntamento a Casal Velino capoluogo con la Via Crucis Vivente: la rappresentazione storico-religiosa della Passione di Cristo, con costumi d’epoca, che ogni anno, nel periodo pasquale, trasforma piazze e vie del borgo cilentano in atmosfere di indiscussa suggestione evocativa e meditativa.
La manifestazione, che vanta ormai una tradizione decennale, risalente agli anni Sessanta del Novecento, presenta quest’anno un’importante novità: la partecipazione, in qualità di figuranti, degli immigrati del centro di prima accoglienza “Elios” di Ascea.

Precisamente, saranno una decina i ragazzi di colore – di nazionalità africana e religione cristiana – che, seguiti dalla sociologa del centro, hanno scelto di collaborare alla riuscita della Via Crucis, dimostrando come l’integrazione sociale e culturale sia possibile e auspicabile anche in una piccola comunità come quella casalvelinese.
Ma non finisce qui. A Casal Velino la rappresentazione della Passione di Cristo non è soltanto multietnica e multirazziale, ma solidale e attenta alle fasce più deboli. Quest’anno, infatti, la manifestazione vedrà la partecipazione dei ragazzi diversamente abili dell’associazione “Stella Polare Onlus” di Santa Marinella, in provincia di Roma, a conferma dell’importanza del valore dell’uguaglianza e dell’espressione della propria soggettività.

“La Via Crucis Vivente – spiega Angelo Crescenzo, presidente del circolo sociale “Marchese Vincenzo Pinto”, che gestisce la manifestazione – intende superare ogni forma di emarginazione sociale, attraverso la valorizzazione della dignità di ogni essere umano, nel rispetto della sua diversità, qualsiasi sia la sua cultura, il suo credo e le sue limitazioni fisiche, psichiche, economiche e sociali”.

Tags
Continua dopo la pubblicità

Vince Esposito

Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e specializzata in Geogiornalismo - Conoscenza e Comunicazione del Territorio all’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli, è Responsabile Scientifico della Biblioteca della Fondazione Alario per Elea-Velia Onlus di Ascea, nonché Project Director e referente Trinity College London del laboratorio linguistico English Key della stessa Fondazione. Appassionata di scrittura fin dalla tenera età, da anni si dedica alla valorizzazione e promozione del territorio cilentano, come operatore culturale e collaboratrice di testate locali. Nel 2014 entra nella redazione di Info Cilento, dove riesce a confrontarsi con professionisti di settore ma, soprattutto, con persone dall’alto profilo umano.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it