Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Attualità

Violenza di genere: parte il progetto della Fondazione CON IL SUD

Violenza di genere: parte il progetto della Fondazione CON IL SUD

A sostegno anche il piano sociale S9

A sostegno anche il piano sociale S9

Presentato il progetto al Bando della Fondazione CON IL SUD per sostenere interventi di contrasto alla violenza di genere e a ogni forma di discriminazione, promuovendo la parità tra i sessi e superando gli stereotipi. Il piano sociale S9 ha sottoscritto questa mattina il partenariato istituzionale a sostegno della proposta progettuale della Cooperativa Venti di Mare costruita con il supporto del dott.Michele Milano esperto in programmazione europea dell’UDP per la partecipazione al bando pubblicato da Fondazione CON IL SUD.

Il progetto candidato, che si avvale anche del partenariato dell Associazione Onlus “Una goccia nell’oceano” e della Fondazione “Meeting del Mare C.R.E.A.”, intende rafforzare le azioni di contrasto al fenomeno della violenza di genere già in essere nel territorio di riferimento, attuate attraverso i centri d’ascolto istituiti nei 17 Comuni del Piano Sociale di Zona – Ambito S09, per il sostegno e l’accoglienza delle vittime. L’esperienza accumulata negli anni ha evidenziato forti carenze nei servizi sociali offerti alle donne vittime di violenza, in primis la mancanza di interventi efficaci volti all’emersione delle casistiche sommerse. L’idea progettuale intende fornire una cornice di supporto al contrasto della violenza di genere, non solo mediante il confronto con gli studenti (al fine di sensibilizzare i giovani ed entrare in contatto con i minori che hanno assistito ai maltrattamenti), ma anche attraverso un percorso di accompagnamento all’autonomia economica, al fine di spronare le donne che scelgono di non denunciare a causa delle scarse prospettive di sostentamento offerte a sé e ai propri figli. Destinatarie del presente progetto sono le donne vittime di violenza che necessitano di interventi finalizzati al reinserimento socio-lavorativo: innanzitutto donne disoccupate o che svolgono attività non sufficientemente retribuite per provvedere al proprio sostentamento.

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Popolari

Top