Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Castellabate: giunta si aumenta l’indennità, l’ira della minoranza

Castellabate: giunta si aumenta l’indennità, l’ira della minoranza

Alessandro Lo Schiavo: «Aumento indennità è decisione scellerata»

Alessandro Lo Schiavo: «Aumento indennità è decisione scellerata»

CASTELLABATE. «Un consiglio comunale fiume nel quale i punti più importanti sono stati tenuti per ultimi». Viene definito così l’ultimo consiglio di Castellabate da parte della minoranza capitanata da Alessandro Lo Schiavo. Sono state molte, infatti, le polemiche da parte dei rappresentanti delle opposizioni i quali hanno denunciato quanto accaduto in seno alla riunione.

Lo Schiavo e gli altri occupanti dei banchi d’opposizione, Caterina Di Biasi, Luigi Maurano e Marco Rizzo, analizzano punto per punto i vari passaggi: «Il consiglio è durato ben 8 ore – dicono – ed è difficile cercare in qualche modo di sintetizzarlo. Innanzitutto abbiamo chiesto l’inversione degli argomenti all’ordine del giorno perché la discussione del bilancio futuro era stata relegata in fondo alla riunione come un argomento di secondaria importanza, cosa che non è. La nostra richiesta è stata ovviamente respinta perché il sindaco non ha ritenuto che i cittadini potessero subito prendere coscienza delle scelte economiche dell’amministrazione per il 2017»

«Fatto ancor più grave – continuano – è ciò che la giunta ha deciso. Sindaco e assessori, con una delibera ad hoc, hanno aumentato le proprie indennità». E qui arriva il feroce attacco: «In un momento storico come quello che stiamo vivendo, è inconcepibile che un amministratore comunale decida di aumentare il proprio guadagno. Come gruppo di minoranza – aggiungono – abbiamo chiesto l’eliminazione di questo aumento per destinare risorse all’agroalimentare e alla pesca, a cui attualmente i nostri lungimiranti amministratori non hanno destinato nessun fondo. Tale proposta, manco a dirlo, è stata bocciata perché i soldi delle loro laute e grasse indennità non si devono toccare. La giunta – concludono – dovrà rispondere a noi e ai cittadini le motivazioni di tale scellerata scelta».

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri contenuti

Top